Genova, accoltella la figlia di 12 anni: padre arrestato per tentato omicidio

Una ragazzina è stata accoltellata per strada a Teglia, nel quartiere di Rivarolo a Genova, ed è ora ricoverata all'ospedale pediatrico Gaslini con una ferita all'addome. E' stata sottoposta a intervento.

Dramma famigliare a Genova: un ecaudoriano, noto alle forze dell'ordine per maltrattamenti in famiglia, è stato arrestato dopo aver accoltellato la figlia di 12 anni.

La piccola, ferita all'addome, potrebbe aver corso il pericolo di morire dissanguata per questo ritardo.

E 'l'africano' che secondo l'uomo avrebbe litigato con loro, dove sarebbe? Il padre della ragazzina aveva detto alla polizia che la ragazzina era rimasta ferita mentre lui litigava con un uomo, un maghrebino, a un distributore di benzina in via Teglia, dove però non sarebbero state trovate tracce di sangue.

I particolari della vicenda ancora non risultano chiari. "Stavo discutendo con lui e l'ha colpita". Da verificare anche la descrizione dell'accoltellatore, definito genericamente "un africano, forse marocchino". In più le ferite inferte alla 12enne, alta un metro e mezzo, non erano emette compatibili con l'altezza descritta del presunto aggressore, perché localizzate nella parte bassa del corpo della giovanissima. E ancora, perché non chiamare l'ambulanza, ma chiedere a un amico (rintracciato e ritenuto al di sopra di ogni sospetto, in quanto non a conoscenza di quanto era realmente accaduto) affinché lo accompagnasse, con la ragazzina sanguinante, al Gaslini?

Le molteplici contraddizioni e incongruenze emerse durante l'interrogatorio hanno fatto crollare la versione dell'ecuadoriano.