Etna in esplosione, dieci feriti

Etna in esplosione, dieci feriti

Anche una troupe della BBC è rimasta coinvolta nell'esplosione avvenuta sull'Etna ed in cui sono state colpite circa dieci persone. Si tratta di una decina di turisti che si trovavano sul versante sud del vulcano a poche centinaia di metri dalla colata. Gli altri tre nel pronto soccorso dell'ospedale di Acireale. "Alcuni feriti, io stesso ho ricevuto una piccola ferita in testa però sto assai bene e mi sto calando una meritata birra!" Un vulcanologo dell'Ingv è rimasto lievemente ferito nell'esplosione freatica, riportando solo lievi escoriazioni dovute alla caduta di pietre conseguente all'esplosione.

L'esplosione dell'Etna, secondo gli esperti, si verifica quando il magma riscalda la terra provocando l'evaporazione quasi istantanea dell'acqua. Il fronte della colata lavica si deve osservare da vicino soprattutto quando scende più in basso, per tenere informata la Protezione civile, che se lo ritiene opportuno, può fermare il flusso turistico. Oltre all'attività stromboliana sulla zona sommitale del vulcano sono presenti due colate laviche. Attualmente la lava avanza con una temperatura superiore ai 1000 gradi centigradi in una zona ricoperta di neve. Lo spiega al Sir Stefano Branca, responsabile del monitoraggio vulcanologico dell'Osservatorio Etneo dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv-Oe), commentando quanto è avvenuto oggi in località Belvedere (bordo occidentale della Valle del Bove), a circa 2700 metri di quota sul mare.