Donald Trump: firmato nuovo ordine esecutivo sull'immigrazione, colpiti sei Paesi islamici

Donald Trump: firmato nuovo ordine esecutivo sull'immigrazione, colpiti sei Paesi islamici

Il nuovo divieto sugli ingressi negli Usa da alcuni Paesi a maggioranza musulmana, entrerà in vigore il 16 marzo e rispetto alla versione originaria, non riguarderà chi arriva dall'Iraq. Lo scrive il Wp citando la scheda informativa inviata al Congresso. Il primo era stato cancellato dai giudici, cosi il Presidente ne ha scritto uno nuovo. Il bando originale prevedeva di bloccare, per 4 mesi l'ingresso negli Stati Uniti dei rifugiati (stop a tempo indeterminato per i siriani) e per tre mesi quello dei cittadini di Iraq, Iran, Siria, Sudan, Yemen, Somalia e Libia. Nella nuova disposizione, inoltre, viene specificato che i detentori di visti e carta verde saranno protetti e potranno viaggiare negli Usa.

E non si placano le polemiche, anche in questo caso: fa discutere la decisione di aver lasciato fuori Arabia Saudita e Pakistan dal Travel Ban. Oltre all'eliminazione dell'Iraq dalla "lista nera", l'altra modifica dovrebbe riguardare i rifugiati siriani, che verrebbero trattati al pari di tutti gli altri. L'annuncio del nuovo bando è stato illustrato da tre ministri, il segretario di Stato Rex Tillerson, l'attorney general Jeff Sessions e il segretario alla homeland security John Kelly, ma nessuno di loro ha risposto alle domande dei giornalisti.

L'Fbi sta indagando su più di 300 rifugiati.

Questa volta, niente telecamere a immortalare il momento: per la prima volta Trump, al suo 46esimo giorno in carica, non firma un ordine esecutivo in diretta. Per i democratici "è un decreto anti-americano".