Crolla cavalcavia durante ampliamento A14, 2 morti e 2 feriti

Crolla cavalcavia durante ampliamento A14, 2 morti e 2 feriti

"Mi sento miracolata": a parlare è Anna Maria Mancinelli, una donna di Porto Sant'Elpidio (Fermo), che stava viaggiando sull'autostrada A14 su un'automobile che si è fermata "un centinaio di metri prima del ponte crollato". Questa la domanda che gira nella testa di tutti coloro che hanno vissuto, da vicino o anche solo attraverso i telegiornali, il crollo del cavalcavia sulla A14 all'altezza di Camerano (Ancona), tra Loreto e Ancona. Comunque "Autostrade per l'Italia ha già messo a disposizione della magistratura tutti gli elementi contrattuali relativi all'affidamento dei lavori". "Si chiude di solito nottetempo, solo quando c'è da mettere un ponte nuovo al posto di uno vecchio". "Terribile.". E' quanto riferisce all'Ansa Francesco, un giovane calabrese residente a Reggio Emilia che è stato tra i primi a fermarsi davanti al ponte crollato sulla A14. Le attività di sollevamento del cavalcavia "erano state completate alle 11:30".

Al momento l'autostrada è chiusa in entrambe le direzioni.

Intanto la Procura di Ancona ha aperto un'inchiesta. Omicidio colposo e disastro colposo sono i reati ipotizzati dai pm. L'area è stata posta sotto sequestro.

Il ministro dei Trasporti Delrio manderà ispettori del ministero. Nel crollo sono rimasti feriti anche tre operai che lavoravano nel cantiere. Le due persone a bordo della vettura sono le vittime, a quanto pare marito e moglie. In primo luogo abbiamo firma della macchine ferme - racconta all'ANSA -, inoltre un macchina schiacciato e abbiamo capito cosa azione avventura.