C'è puzza di gas: scoperti i ladri, avevano bucato e deviato oleodotto

Trovate dai Carabinieri tre cisterne, due delle quali contenevano il combustibile sottratto.

E' accaduto a Monselice, nella bassa padovana dove intorno alle 23 di mercoledì 15 marzo i residenti di via Vanzo hanno allertato i carabinieri in quanto sentivano un forte odore di gasolio. All'arrivo i militari hanno scoperto che ignoti avevano praticato un piccolo foro nel terreno e installato un rubinetto che intercettava il petrolio trasportato nell'oleodotto Porto Marghera- Mantova di proprietà di 'Ies Italiana Energia e Servizi spa'.

Sul posto sono state avviate le operazioni di bonifica ambientale e di ripristino della conduttura, a cura del personale dei vigili del fuoco, della protezione civile di Este, dell'Arpav e dei tecnici dell'azienda interessata. Il danno, in fase di quantificazione, risulta coperto da assicurazione.