Android O semplifica l'aggiunta di suonerie personalizzate

Android O semplifica l'aggiunta di suonerie personalizzate

Sono bastati pochi rumors per far calare a Google gli assi nella manica.

La situazione non si pone sui terminali Nexus e Pixel supportati, ma sono centinaia i produttori che usano Android senza però seguirne le pratiche consigliate da Google.

Google l'anno scorso ha rilasciato almeno un aggiornamento di sicurezza per ogni mese. Un lavoro, quello svolto dagli sviluppatori di Android, che dovrebbe permettere agli smartphone di guadagnare in autonomia e performance. Proprio l'intenzione di allargare il coinvolgimento nello sviluppo della versione finale del software e di contenere l'eccessiva frammentazione delle varie release di Android, come testimoniato dall'attuale lentezza della distribuzione di Android 7.0 Nougat e dei successivi update correttivi Android 7.1 e Android 7.1.1, è alle base dell'anticipo dei tempi. I limiti di background rappresentano un cambiamento significativo in Android, quindi vogliamo che tutti gli sviluppatori acquisiscano familiarità con essi. Durante la riproduzione del video, si potrà continuare a usare normalmente lo smartphone o il tablet Android, eseguendo qualunque applicazione. Perché se è vero che Google ha introdotto queste novità, Android Nougat è installato solo sul 3% dei dispositivi Android in commercio. Il rapporto, riferito al 2016, offre una panoramica sui numeri e le modalità portate avanti da Big G per rendere sicuro il proprio ecosistema e i suoi utenti: 1.4 miliardi di utilizzatori di Android protetti. L'app di riempimento automatico protegge i dati degli utenti, come indirizzi, nomi utenti e anche le password.

L'azienda di Mountain View introduce anche la funzionalità Picture in Picture (PiP), mutuata da Android TV.

Aggiunto il supporto ai font XML, come risorsa di sistema in modo che le app saranno in grado di utilizzare il layout di un font in XML.

Google presenta la Developer Preview di Android O con un post sul blog ufficiale del sistema operativo.

Icone Adaptive: Per aiutare a integrare meglio con l'interfaccia utente del dispositivo, è ora possibile creare icone di adattamento che il sistema visualizza in diverse forme, sulla base di una maschera selezionata dal dispositivo. Il sistema gestirà l'aspetto delle icone nel launcher, nei collegamenti, nelle Impostazioni e nel menu delle condivisioni. Il tutto si deve ad un'attenta valutazione dell'applicabilità dei principi di crittografia per tutti (con Nougat, più evoluta che in passato), delle VPN per utenti enterprise business e della gestione intelligente audio-video che, unitamente ad altre feature di minor entità, contribuiscono a realizzare un OS solido e decisamente più affidabile che in passato.

AUDIO e API AAUDIO PER L'AUDIO PROFESSIONALEPer la massima fedeltà audio, Android O supporta anche l'audio in alta qualità, e codec audio Bluetooth come LDAC. Sui dispositivi con hardware appropriato, applicazioni e dispositivi vicini possono scoprire e comunicare via Wi-Fi, senza un punto di accesso a Internet.

Navigazione da tastiera: Con l'avvento di Google Play Apps su Chrome OS stiamo vedendo un aumento dell'utilizzo di navigazione da tastiera all'interno di queste applicazioni. Ecco le principali novità della nuova versione.