8 marzo, Giornata Internazionale della Donna: è "Sciopero globale"

Per la prima volta ha aderito anche la rete Dire (Donne in rete contro la violenza), che conta 77 centri in tutta Italia tra cui La Casa delle Donne di Bologna, e che ha preso parte alla rete Non Una Di Meno sin dalla sua nascita.

Secondo l'ISTAT, infatti, al Sud lavora solo il 30% delle donne, oltre alle forme di lavoro contrattuali, tante sono le forme di sfruttamento a cui tutti i giorni siamo sottoposte: dal lavoro nero al ricatto di licenziamento in caso di gravidanza, dalla cura della casa ai sacrifici per la famiglia, subiamo i mille ruoli che questa società ci impone. Le fasce garantite di metro, tram e bus saranno da inizio servizio alle 8.30 del mattino e dalle 17 alle 20. Saranno tantissime le donne che, al grido di: "Se le nostre vite non valgono, noi scioperiamo!".

In occasione dell'ultimo sciopero del 21 ottobre dello scorso anno, proclamato dalla stessa organizzazione sindacale, le astensioni dal lavoro dei dipendenti hanno avuto un'incidenza sul servizio programmato pari al 11% nel servizio urbano e all'11% nel servizio della Ferrovia Genova - Casella.

Sarà un 8 marzo di lotta e scioperi.

Il 12 marzo invece è previsto uno sciopero del personale di bordo, macchina e manovra di Trenitalia Sardegna, con uno stop di 8 ore dalle 9 alle 17.

Rispettate le fasce orarie di garanzia 6 - 9 / 18 - 21.

Alle 17 corteo nazionale a Roma - A causa dello sciopero, potrebbero essere a rischio anche le cure non indispensabili negli ospedali, i servizi negli uffici della pubblica amministrazione, le lezioni scolastiche.

In queste settimane Non Una Di Meno ha fatto anche assemblee pubbliche in spazi femministi, nelle scuole, nelle università, volantinaggio e assemblee in luoghi di lavoro, anche per informare le donne migranti.

C'è chi si assenterà dal lavoro, chi farà assemblee, chi parteciperà a cortei, flash mob, conferenze e letture in piazza, l'obiettivo è dimostrare che se le donne si fermano, si ferma anche il mondo. Durante la giornata, sono diverse le iniziative e gli eventi in tutta Italia. Si tratta di una giornata che fu istituita per ricordare le conquiste politiche, sociali ed economiche delle donne, ma anche per esortarle ad ottenere sempre di più, nell'ottica della parità di genere.