Vasto, uomo uccide il pirata che investì la moglie

Vasto, uomo uccide il pirata che investì la moglie

Da una prima ricostruzione, il giovane stava uscendo dal bar quando è stato ucciso a distanza ravvicinata mentre si stava mettendo in sella alla sua bicicletta. I carabinieri della locale compagnia e gli agenti del commissariato hanno subito raccolto le prime testimonianze e si sono messi alla ricerca dell'omicida con posti di blocco e perquisizioni domiciliari. Si tratterebbe si un ex calciatore della zona, Fabio Di Lello. Dopo l'impatto con la moto, l'utilitaria aveva colpito anche una Renault Clio. Il 16 luglio a Vasto era stata organizzata una fiaccolata in suo ricordo. Il corteo aveva percorso corso Mazzini per raggiungere l'incrocio e l'obitorio dell'ospedale San Pio da Pietrelcina. Poi, riferisce l'agenzia Ansa, ha chiamato il suo avvocato, Giovanni Cerella, indicandogli dove si trovava in quel momento. La pistola è stata ritrovata infatti nei pressi della tomba di Roberta Smargiassi, morta la scorsa estate a causa del tragico investimento.

Il padre della vittima ha già operato il riconoscimento mentre l'avvocato ha accompagnato il presunto assassino, Fabio Di Lello, a quanto sembra reo confesso, in caserma per un primo interrogatorio. Lui si è costituito nel tardo pomeriggio.

Sul profilo Facebook di Di Lello campeggia la foto della moglie, postata il 5 novembre scorso, con la scritta "Giustizia per Roberta".