Gli Usa attaccano la Germania: "Sfrutta l'euro contro noi e l'Ue"

E, ora, anche l'amministrazione Trump.

"L'Europa deve difendere con fermezza l'ordine internazionale basato sullo stato di diritto perché non possiamo arrenderci a quelli che vogliono indebolire i legami transatlantici, senza di cui l'ordine globale e la pace non possono sopravvivere". Per questo, ammonisce Tusk concludendo, "dobbiamo ricordare al nostro alleato americano il suo stesso motto: uniti vinciamo, divisi perdiamo".

Questi alcuni dei principali avvenimenti previsti per domani nell'area euro-mediterranea: ROMA - Visita del presidente del Consiglio europeo Donald Tusk che incontra il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il premier Paolo Gentiloni. "La disintegrazione dell'Ue non porterà al ripristino di una mitica, piena sovranità dei suoi Stati membri, ma alla loro dipendenza reale e fattuale dalle maggiori superpotenze: Usa, Russia e Cina", scrive Tusk ai leader comunitari. "Solo insieme possiamo essere completamente indipendenti". "Dobbiamo fare passi assertivi e spettacolari che cambino le emozioni collettive e facciano rivivere l'aspirazione a portare l'integrazione europea al prossimo livello", ha evidenziato Tusk. Tusk vede il futuro "altamente imprevedibile" a causa di "una Cina prepotente" sul mare, la Russia "aggressiva verso l'Ucraina e i suoi vicini", e poi guerre, terrore e anarchia in Medio Oriente e Africa, e le "preoccupanti dichiarazioni" di Trump che mettono l'Ue "in una difficile situazione".

Dibattito in apertura della miniplenaria del Parlamento europeo sulle restrizioni sui visti decise dal presidente Usa Donald Trump. Lo riferiscono fonti diplomatiche dopo che si è prolungata fino alla tarda serata di ieri la riunione degli sherpa per il lavoro di messa a punto della Dichiarazione finale del vertice.