FOCUS - Federer vs Nadal: quando una partita di tennis diventa leggenda

FOCUS - Federer vs Nadal: quando una partita di tennis diventa leggenda

Roma, 30 gen. (askanews) - Roger Federer festeggia la vittoria agli Australian Open di Melbourne. "Ora farò riposare il mio corpo prima del torneo di Dubai di fine febbraio".

L'incontro tra i due campioni è stato l'evento più visto di sempre sui canali Eurosport in Italia dopo la finale di tennis femminile agli Us Open 2015 tra Flavia Pennetta e Roberta Vinci ed ha triplicato il dato della finale dello scorso anno in Australia tra Andy Murray e Novak Djokovic. A 35 anni lo svizzero Roger Federer, fresco di successo agli Australian Open, non pensa affatto al ritiro. Non c'è sponsor che non lo vorrebbe come testimonial, e non è un caso se i più influenti marchi del mondo hanno portato avanti una guerra serrata per averlo dalla propria parte: Mercedes, Lindt, Rolex, Moet & Chandon, Credit Suisse e Gillette, per citarne alcuni. Dopo Wimbledon lui e Ivan Ljubicic, buonissimo consigliere a prescindere dai risultati, faranno il punto: vale tutto, ma Federer sarebbe il primo a non accettare un Federer minore. Lo ha fatto in un modo che si faceva perfino fatica a sognare, non soltanto contro un Rafa Nadal tornato quasi Nadal ma anche al quinto set dopo una partita intensissima, ribaltando a suo favore quelle situazioni che nel passato, nei momenti decisivi, erano sempre andate a favore dello spagnolo.

"Non posso paragonare questa vittoria a nessun'altra se non forse a quella del Roland Garros del 2009 - ha raccontato Federer - Quella fu una vittoria attesa a lungo; avevo provato, lottato, provato ancora e infine fallito".

"La gente e' felice per me, e questo e' per me addirittura più importante della mia felicità". Migliora anche Nadal, che risale dal 7° al 6° posto.