Vergogna all'ospedale di Nola, pazienti a terra: mancano letti e barelle

Vergogna all'ospedale di Nola, pazienti a terra: mancano letti e barelle

Non voglio "negare - ha scritto - 'per partito preso' o, peggio, 'per interesse' le innegabili problematiche logistiche e ambientali che, cicliclamente soprattutto nei periodi concomitanti con festività o ferie, portano al collasso il pronto soccorso e i reparti tutti" e nemmeno "criticare chi ha avuto, purtroppo, qualche brutta esperienza (ognuno pagherà alla propria coscienza, medico, infermiere, sociosanitario o paziente che sia)". Una critica viene dunque mossa al modo in cui è stata data la notizia delle difficoltà della struttura. "Non è che non ci siano barelle... ci sono, ma sono usate per ricoverare nei reparti coloro che hanno avuto necessità".

La giornalista di Tg5 stamane si è recata in ospedale per parlare con il direttore sanitario che non c'era, e nessuno era autorizzato a parlare.

. "Già pronta un'interrogazione parlamentare per denunciare la scandalosa situazione degli ammalati adagiati a terra perché mancano letti e barelle", dice Russo.

La foto, scattata all'ospedale Santa Maria della Pietà di Nola, nel Napoletano, è stata pubblicata su Facebook scatenando una serie di commenti e testimonianze. "Vincenzo De Luca aveva promesso che non saremmo mai più stati ultimi, e invece ci ha ridotti all'indigenza".

Il deputato si appella direttamente al ministero: "Restituisca il diritto alla salute a un'area che conta 600mila abitanti". Anche il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, è venuto a conoscenza della situazione e ha predisposto l'avvio di indagini interne per fare luce su questa vicenda e accertare eventuali responsabilità. E ora non si pensi di giocare a scaricabarile sui coraggiosi medici che tentano, pur senza strumenti a disposizione, di difendere la vita delle persone.