Truffa sui carburanti: 31 persone indagate in tutta Italia

Truffa sui carburanti: 31 persone indagate in tutta Italia

Gli indagati risiedono a Roma, Milano, Napoli, Como, Varese, Perugia, Piacenza, Treviso, Padova e Rovigo.

L'operazione ha portato alla notifica di avvisi di garanzia a 31 indagati, con reati che vanno dall'associazione per delinquere alla sottrazione di pagamento dell'accisa all'occultamento della documentazione contabile.

I numeri di questa maxi truffa fiscale sui prezzi dei carburanti sono davvero impressionanti: coinvolte quattro organizzazioni criminali, oltre quattrocento milioni di litri di carburanti immessi illecitamente sul mercato per un valore complessivo di trecentosessanta milioni di euro.

Attendere un istante stiamo caricando il video
Attendere un istante stiamo caricando il video

"I sequestri consentiranno, sostanzialmente, di recuperare le imposte finora evase pari a 23 milioni di Iva e 3 milioni di accise rispetto ad una base imponibile non dichiarata per oltre 120 milioni di euro" conclude la nota stampa. A mettere sulla pista giusta gli investigatori sono stati proprio alcuni benzinai che si sono accorti che i loro diretti concorrenti mettevano in vendita il carburante a un prezzo decisamente inferiore alla "forchetta" del mercato petrolifero e non praticabile dagli operatori onesti o che avevano avuto l'offerta di carburante dalla stessa organizzazione.

Secondo quanto ricostruito dal Nucleo di Polizia tributaria era in corso un vasto meccanismo fraudolento, ormai consolidato, realizzato attraverso la classica interposizione di società "cartiere", quelle cioè poste tra il fornitore ed il destinatario finale che, poi, non versano allo Stato l'iva incassata.