Smetto quando voglio, Trama: stasera su Rai 3

Girato in contemporanea con il terzo e ultimo capitolo della serie, che porterà il sottotitolo Ad Honorem, Smetto Quando Voglio Masterclass conferma la capacità di scrittura, d'interpretazione e di regia del film.

Il film offre un cast molto nutrito e composto da Edoardo Leo, Valeria Solarino, Valerio Aprea, Paolo Calabresi, Libero de Rienzo e molti altri. Questo risulta evidente soprattutto dopo i primi due terzi del film (ricchi di gag, trovate comiche e citazioni divertenti e divertite), quando la trama sembra planare su un generale appiattimento, e viene inghiottita da un attendismo che lascia sospese promesse e aspettative.

In attesa che il 2 febbraio arrivi nelle sale Smetto quando voglio masterclass, sequel di Smetto quando voglio, in onda stasera su Rai Tre, la cronaca si incarica di dimostrarci che la "banda" protagonista dell'esilarante e paradossale commedia d'esordio di Sydney Sibilia è meno strampalata e fuori dal mondo di quanto sembrerebbe, a prima vista. Tutto parte da dove era finito.

La trama racconta la storia di un gruppo di brillanti ricercatori universitari disoccupati che, nel tentativo di realizzarsi professionalmente, creano una nuova droga perfettamente legale, sfruttando una molecola non ancora catalogata come stupefacente dal Ministero della salute. Decide inoltre di mettere su una banda reclutando alcuni suoi amici, menti brillanti e altrettanto sfortunate, Andrea, antropologo che sgomita per ottenere un impiego presso uno sfasciacarrozze, Bartolomeo, esperto d'economia che si è dato al poker, Giorgio e Mattia, latinisti che lavorano in una pompa di benzina, Arturo, archeologo sottopagato, Alberto, chimico ma anche lavapiatti. Rimane da chiedersi tuttavia se questa svolta in favore della creazione di una saga non rischi di imprigionare le potenzialità di un prodotto che, così com'era stato concepito, covava in sé un'interessante denuncia sociale velata da un'ironia caustica e intelligente, portando l'apparato stilistico di Smetto quando voglio - le sue premesse, i personaggi, le evoluzioni verbali - a diventare una versione un po' troppo fumettistica di se stesso. Non riuscendo a dire la verità alla compagna gli viene un'illuminazione che lo salva dal baratro.