Roma, sequestrato il tesoro di Felice Maniero

Roma, sequestrato il tesoro di Felice Maniero

Mercoledì mattina, in una conferenza a Venezia, svelati i dettagli dell'operazione che ha permesso di sequestrare ville, auto, conti correnti e altri beni per un valore complessivo di circa 17 milioni di euro. Due arresti. La Direzione distrettuale antimafia della Procura della Repubblica di Venezia, con i militari del Nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di Finanza di Roma in mattinata hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare, una in carcere una ai domiciliari, a carico di altrettanti soggetti che secondo gli investigatori, avrebbero attivamente partecipato al "mascheramento" dei beni illecitamente accumulati.

Mala del Brenta: scoperto il tesoro di Felice Maniero. Il broker finanziario Brotini, fucecchiese, è conosciuto a Santa Croce dove ha un ufficio di consulenza finanziaria. Sarebbe stato lui ad indicare agli inquirenti quali erano i beni acquistati con il suo denaro dopo la separazione della sorella Noretta Maniero da Di Cicco.

Sono stati posti i sigilli a numerose automobili, due case, a Fucecchio (Firenze) e a Marina di Pietrasanta (Lucca), polizze assicurative, conti correnti bancari. Sequestrato dalla guardia di finanza il tesoro di Felice Maniero.

"L'indagine - spiega la Gdf - iniziata nei primi mesi del 2016, ha individuato alcuni prestanome, riconducibili alla famiglia del boss malavitoso nordestino, che avrebbero gestito il patrimonio diversificandone il piazzamento, acquistando immobili di notevole pregio e mascherandone l'origine illecita attraverso una pluralità di rapporti finanziari". Dopo l'ultima cattura a Torino, decise nel 1995 di diventare collaboratore di giustizia. Lavora con il figlio in un'azienda che si occupa di depurazione delle acque.