Roma. Pregiudicato entra in Santa Maria Maggiore e sfregia sacerdote e sacrestano

Roma. Pregiudicato entra in Santa Maria Maggiore e sfregia sacerdote e sacrestano

Choc nella Capitale dove un frusinate è entrato nella basilica di Santa Maria Maggiore sfregiando con un coccio di bottiglia 2 sacerdoti (il sacrestano e il padre superiore) colpiti al volto. Ha tentato poi la fuga, ma è stato bloccato poco dopo dai carabinieri.

Secondo quanto emerso dai primi accertamenti l'aggressore, che ha precedenti per droga, soffrirebbe di disturbi psichici. E armato di un coccio di bottiglia è riuscito ad aggredire un sacerdote e il sagrestano, spedendoli entrambi all'ospedale. Non si conoscono, al momento, i motivi che hanno spinto il 41enne ad aggredire e ferire i due sacerdoti.

Il responsabile è Renzo Cerro, 42 anni di Roccasecca in provincia di Frosinone. Il più grave è il sacrestano trasportato in ospedale in codice rosso per una profonda ferita dallo zigomo al mento. Il 42enne è stato fermato pochi istanti dopo l'aggressione da una pattuglia dei carabinieri della stazione Roma Piazza Dante e accompagnato in caserma. Le indagini proseguono per chiarire meglio tutti gli aspetti della vicenda.