Profugo annegato, tutti i video della tragedia in Procura

Profugo annegato, tutti i video della tragedia in Procura

Aveva 22 anni un ragazzo proveniente dal Gambia che domenica 22 gennaio 2017 si è gettato nelle acque del Canal Grande a Venezia. Il video, tuttavia, è un concentrato di ingiurie e insulti. C'è chi ha apostrofato il migrante definendolo uno "scemo che vuole morire" e chi lo ha chiamato "Africa". "Il tempo di guardare meglio e l'uomo era sparito". Secondo la polizia si sarebbe trattato di un suicidio, anche se appare curioso che nessuno si sia speso in prima persona per evitare il peggio. Sceso dalla stazione, ha lasciato lo zainetto e si è lanciato in acqua, deciso che la sua vita non aveva più un senso.

Chi è il ragazzo morto: 22 anni, originario del Gambia.

. E ancora: "Se lanci un salvagente a qualcuno impietrito dall'acqua gelida non lo prenderà, è meglio cercare di afferrare la persona da un barchino". Nelle sue vicinanze, come è ovvio, erano presenti diverse imbarcazioni. Quattro i salvagenti che gli sono stati lanciati, ma lui si è rifiutato di afferrarli. I sommozzatori dei vigili del fuoco sono arrivati dopo circa 10 minuti e hanno trovato Pateh Sabally un'ora dopo l'annegamento, incastrato tra i pali delle gondole dall'altra parte del canale.