Juventus-Milan, Allegri: "Gol di Bacca casuale, loro hanno creato poco"

Juventus-Milan, Allegri:

Partita a due volti, con il primo tempo dominato in maniera totale dai bianconeri, schierati ancora con il 4-2-3-1 da mister Allegri.

Migliore in campo in assoluto Pjanic, un giocatore che pian piano si sta ritrovando, riuscendo a mettere in mostra il grandissimo talento che lo contraddistingue, ma che finora aveva quasi centellinato, mostrandosi discontinuo e decisivo principalmente su calcio di punizione.

Nella ripresa, però, la musica cambia subito, con il 2-1 firmato Bacca, alla prima chance assoluta nella partita.

Come vedere Juventus Milan Streaming Gratis Diretta Video Rojadirecta.

Allegri è costretto a rinunciare a Marchisio, al suo posto Sturaro. Ma tant'è: Allegri vince tatticamente, con un Asamoah straripante sulla sinistra nel primo tempo.

La Juve va in vantaggio al minuto 10 quando Dybala, ben servito addirittura di tacco da Cuadrado, fa secco Donnarumma con un destro molto angolato.

Per la Juve a questo punto sembra fatta ma invece succede quello che non ti aspetti: i rossoneri, forti del fatto di non avere più nulla da perdere, continuano a riversarsi nell'area avversaria approfittando anche di un abbastanza evidente calo fisico dei bianconeri. Centrocampo composto da Locatelli, Bertolacci e Kucka. I rossoneri nel primo tempo sono assenti ma nella ripresa si svegliano e Bacca riapre i giochi al 52' con un guizzo da dentro l'area che fa secco Neto.

Al 58' i bianconeri provano a reagire: corner dalla destra per la testa di Mandzukic, palla fuori di pochissimo. Lo sa Miralem Pjanic che, a fine gara, recrimina per le occasioni sprecate: "Potevamo chiudere prima questa partita, segnando uno o due gol in più".

I rossoneri di Montella ci credono ed al 70' vanno vicini al pari con una punizione potentissima di Kucka, Neto compie un bell'intervento deviando in corner. Al 31' si rivede la Juventus in avanti: cross rasoterra di Mandzukic: Khedira calcia di prima intenzione ma la sua conclusione è ribattuta dal corpo di Alex Sandro. All'82'paratona di Donnarumma che arriva sul tiro al volo di Pjanic allontanando il pericolo. Potrebbe esserci un'arma in più a servizio dell'aeroplanino, è ufficiale da poche ore l'arrivo dello spagnolo Deulofeu in prestito dall'Everton ma ancora legato al Barça.

Juventus (4-2-3-1): Neto; Barzagli, Bonucci, Rugani, Asamoah; Pjanic, Khedira; Cuadrado, Dybala (dal 22' s.t. Alex Sandro), Mandzukic; Higuain. A disp.: Storari, De Sciglio, Gómez, Paletta, Vangioni, Mati Fernández, Poli, Sosa, Lapadula.