Sparatoria a Scampia: ucciso un giovane boss

Sparatoria a Scampia: ucciso un giovane boss

Della serie: a Napoli si continua a pregare di non trovarsi al posto sbagliato nel momento sbagliato.

Angrisano, il vero obiettivo, era nei pressi della sua abitazione, all'interno del parco Diana, lotto G di Scampia, regno dei 'Girati', quando - erano quasi le 15 - e' stato raggiunto da una sventagliata di colpi tutti calibro 9. A sparare sarebbero stati due killer armati di mitraglietta. Per il 30enne, però, non c'è stato niente da fare: è deceduto subito dopo. Gli investigatori sono abbastanza sicuri che sia stato l'uomo ucciso il bersaglio primario dei killer, mentre la posizione di Pandolfi è ancora al vaglio. Angrisani e Pandolfi sono entrambi pregiudicati e gravitano nell'orbita del gruppo della Vanella Grassi, protagonista delle fibrillazione nell'area Nord di Napoli per il controllo della piazze di spaccio. Non è escluso che sia finito nella traiettoria dei proiettili per caso. Quel che è certo è che il sangue torna a scorrere nelle strade di Napoli in quello che è quasi certamente un agguato di matrice camorristica.