Moglie e marito si incontrano in club per scambisti: è rissa

Moglie e marito si incontrano in club per scambisti: è rissa

Lei, casalinga 50enne, voleva trascorrere una serata trasgressiva, lui invece aveva accettato l'invito di un amico. I coniugi, da quanto si apprende in crisi da tempo, hanno cominciato a insultarsi in faccia per poi passare alle mani. La donna, secondo quanto emerso dai verbali che sono stati resi in caserma, proprio per non avere a che fare con il marito, trascorreva ormai anche venti giorni ogni mese presso la casa del figlio e della nuora, ad Albano Laziale, e sarebbe stato qui che avrebbe conosciuto la persona che l'avrebbe condotta nella villa per scambisti, luogo del misfatto.

Lui un rappresentante di letti e materassi, lei una casalinga di Anagni, Ciociaria. Tutto è nato per un errore all'ingresso della villa, dove, come da regolamento, alla signora è stato consegnato un numero di camera. Per un caso ancora più incredibile il marito, con la mascherina sul volto, raggiunge la moglie all'interno di una delle stanze, completamente al buio. E quella che doveva essere un'esperienza hard si è trasformata in una maxi rissa.

La situazione è esplosa dopo pochi attimi.

A quel punto lei ha chiamato il figlio per farsi dare una mano e da lì la rissa è degenerata, anche perché hanno partecipato pure il nuovo amico della donna e altro ospiti della villa. La coppia e il figlio sono stati denunciati anche per i danni alla villa. Successivamente, marito e moglie si sono denunciati a vicenda per lesioni: la vicenda rappresenterà probabilmente la pietra tombale del loro matrimonio.

Alla donna è stata assegnata una stanza con rispettivo numero, per ironia della sorte l'uomo ha beccato il numero della medesima camera. Vanno in pezzi lampade a luci rosse, sex toys, soprammobili, anche un materasso ad acqua. Ora non resta che procedere alla separazione. La moglie "tradita", dopo aver constatato di quanto fosse capace il marito, avrebbe già chiesto il divorzio.