Il negozio del futuro: senza casse e senza code

Il negozio del futuro: senza casse e senza code

Una volta entrati in Amazon Go gli acquirenti dovranno scansionare un codice QR, generato dall'app di riferimento, che permetterà loro di essere identificati e di procedere tranquillamente all'acquisto senza alcun bisogno di passare per le casse. La spesa sarà infatti addebitata sulla carta di credito del cliente, una volta uscito dal punto vendita. La società di Jeff Bezos ha diffuso un video che spiega il funzionamento del nuovo servizio. Amazon ha presentato lunedì 5 dicembre il nuovo negozio Amazon Go, dove chi vuole fare la spesa potrà entrare utilizzando l'app omonima e uscire senza fare lunghe file alle casse.

E non è una cosa da poco: oltre a evitare che sia caricato un acquisto non eseguito, questa soluzione permette agli algoritmi di Amazon GO di capire meglio il comportamento di chi si trova nel negozio, in modo da organizzare diversamente la disposizione dei prodotti sugli scaffali. Il tutto senza fare coda alla cassa, per molti una grandissima rivoluzione.

Secondo il Wall Street Journal, Amazon starebbe pianificando l'apertura di 2.000 negozi di generi alimentari e discount negli Stati Uniti. Entrando nel negozio si scansiona un'app sullo smartphone, poi si compie la spesa tradizionale con i sensori che "osservano" le singole mosse dei clienti: si possono prendere i prodotti, riporli sugli scaffali, riprenderli quante volte si vuole, e il sistema percepirà ogni singolo movimento dell'utente. Il tutto è naturalmente supportato da apposita applicazione Amazon Go.

Amazon grazie a questo sistema può rendere più efficiente i supermercati, perchè riesce a monitorare i prodotti più venduti, fare promozioni mirate in base ai prodotti che consumiamo più spesso e molto altro. Al momento, i clienti possono trovare colazioni, pranzi, cene e snack pronti per il consumo; si tratta di prodotti freschi confezionati, non cibi in scatola, con tanto di chef in loco pronti a riempire gli scaffali quando i prodotti stanno per terminare. Il primo aprirà il prossimo anno a Seattle, ma sarà in fase beta e accessibile soltanto ai dipendenti di Amazon.