Home Attualità LAPO ELKANN / arrestato a New York : il commento della famiglia

Home Attualità LAPO ELKANN / arrestato a New York : il commento della famiglia

Come riporta l'Ansa, Lapo Elkann è stato prima arrestato e poi rilasciato dalla polizia di New York per aver simulato un sequestro. C'è chi dice che la signorina in questione fosse in realtà una transessuale, ma la cosa oltre a non essere confermata è davvero di poco conto. Con lei avrebbe consumato marijuana e cocaina, e una volta terminati i soldi sarebbe stata lei a mettere a disposizione altro denaro per comprare ulteriore droga. Le autorità hanno organizzato il finto scambio di denaro, durante il quale Lapo e la escort sono stati bloccati.

"Lapo va a New York per la festa del ringraziamento - scrive Lucarelli - e uno pensa: ah che bello, è uno che ama le tradizioni, vorrà riunire gli amici oltreoceano per un pranzo col tacchino a centrotavola". Qui Lapo ha finito i soldi e ha inscenato il finto sequestro. La Dicembre, rivela Moncalvo, è una società della quale facevano parte Marella Caracciolo (nonna di Lapo e vedova di Gianni Agnelli), i tre Elkann (John, Lapo e Ginevra) e gli altri cinque nipoti della Caracciolo figli di Margherita (la figlia di Agnelli e madre degli Elkann) e di Serge De Pahlen, il secondo marito della madre di Lapo. Tutto per un debito da 10mila dollari che il rampollo della famiglia Agnelli avrebbe deciso di saldare in modo molto creativo. Se n'e' uscito dal 13/mo distretto di polizia con una citazione per falsa denuncia, ossia per aver simulato il rapimento accusando la transgender di estorsione. Non è nuovo a scandali pubblici il rampollo di casa Elkann: nel 2005 rischiò la vita per una overdose di droga, mentre si trovava in un appartamento a Torino, a seguito di una notte trascorsa con una escort. Briciole rispetto a quello che erediterà John da nonna Marella (che ha già scelto lui come erede) e soprattutto se si tiene conto che la Dicembre controlla un gruppo da circa 122 miliardi di euro. Nessuna posizione di reato invece per la escort che è stata subito rilasciata.