Amazon Go Supermarket: niente casse, niente code

Amazon Go Supermarket: niente casse, niente code

Comodo, no? Secondo il Wall Street Journal, circa 2000 negozi di questo tipo saranno costruiti negli USA se l'Amazon GO di Seattle passerà tutti i test. Se si, speriamo che almeno avremo qualche sconto sui prodotti che troveremo negli Amazon GO.

Una vera e propria rivoluzione nel mondo degli acquisti: per i consumatori il vantaggio è a dir poco incalcolabile, dato che una tecnologia del genere consente di rendere la spesa quotidiana molto più comoda e soprattutto veloce, eliminando di fatto le lunghe attese che si verificano durante la fila che si genera alle casse per pagare i propri acquisti.

Per fare questo la tecnologia alla base di Amazon Go sfrutta algoritmi di computer vision, machine learning e sensori sparsi in tutto lo store in grado sia di rilevare quali prodotti si portano via dallo store, sia di seguire ogni mossa del cliente da quando entra nel negozio fino a quando esce.

I prodotti, dunque, saranno addebitati sull'account dell'utente solo una volta che lo stesso sarà uscito definitivamente dal negozio. Se cambiamo idea e lo rimettiamo a posto, il prodotto viene tolto dalla lista degli acquisti. Come viene descritto nel brevetto, i sensori monitorano le singole mosse dei clienti, e in alcune implementazione i dati provenienti da altri dispositivi di input possono essere utilizzati per aiutare a determinare l'identità di oggetti prelevati. È stata del tutto eliminata la barriera casse e ci si identifica tramite un QR Code, da scaricare sul cellulare con l'app Amazon Go.

Per entrare bisognerà utilizzare l'applicazione del riconoscimento; a quel punto si sarà liberi di scegliere i prodotti che si desiderano e uscire. Il nuovo servizio, ancora in fase di sperimentazione, si chiama Amazon Go: si tratta di un vero e proprio supermercato fisico che, però, non prevede il pagamento alle casse bensì attraverso un metodo del tutto innovativo.