Usa 2016, i paradossi del voto: marijuana legale e pena di morte

Usa 2016, i paradossi del voto: marijuana legale e pena di morte

Gli Stati Uniti hanno eletto il loro 45esimo presidente, incoronando, inaspettatamente, Donald Trump come successore di Barack Obama, ma si sono espressi anche su alcuni quesiti referendari molto importanti. Infine, la legge in California contiene elementi positivi di giustizia sociale, meccanismo di concessione delle licenze, salute pubblica, oltre che di allocazione delle entrate fiscali. La Prop 106 approvata permette ai medici di assistere nel suicidio i cittadini residenti maggiorenni che lo richiedano e che siano malati in fase terminale, con un'aspettativa di vita di sei mesi o meno. Luce verde all'utilizzo per il trattamento di determinate malattie, tra cui il cancro, l'Aids, l'epilessia e l'epatite C. La California, Massachusetts e Nevada hanno dato il via libera alla legalizzazione della marijuana per uso ricreativo. Forse i californiani potranno fumare per dimenticare l'enorme distanza con il resto del paese che ha scelto un repubblicano. Si tratta di norme che trovano ispirazione da quelle già presenti in molti stati come California, Montana, Vermont, Washington e Oregon (in quest'ultimo sono in vigore da 20 anni).

Il referendum è stato votato anche nel Maine, in Nevada, in Arizona e nel Massachusetts.

Nel caso della Florida si vota per ampliare lo spettro dei casi in cui è concessa la cannabis a fini terapeutici (mirando a un effettivo programma di cure con la sostanza in causa, e non solo al sollievo in casi limite): nel 2014 una proposta simile non passo, perché non si raggiunse la soglia del 60% dei voti. Erano poi seguiti Oregon, Alaska e Washington DC. Vietato anche possederne più di 28,5 grammi (resta punito lo spaccio senza l'autorizzazione dello Stato, che viene concessa solo se hai un negozio e tutta una serie di garanzie) e coltivare più di 6 piantine. "Venerdì 11 novembre consegneremo alla Camera dei Deputati le firme a sostegno della nostra proposta di legge sulla cannabis per rilanciare la legalizzazione anche in Italia".