Trump: "Il riconteggio dei voti in Wisconsin è una truffa"

Trump:

I sostenitori della Clinton esortano dunque il riconteggio dei voti contestando i risultati in questi due Stati così come in Pennsylvania, con la speranza di "rovesciare la dinamica del collegio elettorale" (dove Donald Trump ha ottenuto 290 grandi elettori su 538, ossia una larga maggioranza).

Jill Stein, candidata per i Verdi alle recenti elezioni presidenziali americane, ha chiesto ufficialmente il riconteggio dei voti nello stato del Wisconsin.

In neo presidente degli Stati Uniti Donald Trump non ci sta e definisce il riconteggio dei voti delle presidenziali in Wisconsin "una truffa".

La Stein ha già raccolto abbastanza firme per la validità della petizione. "Abbiamo in programma di tenere una riunione in teleconferenza per gli impiegati della contea la prossima settimana e anticipiamo che il riconteggio inizierà verso la fine della prossima settimana dopo che la campagna della Stein avrà versato la somma necessaria per il riconteggio, che stiamo ancora calcolando". Nei giorni scorsi era stata lanciata una raccolta di fondi online necessari per chiedere un nuovo spoglio delle schede elettorali e la sottoscrizione ha già superato i 2,5 milioni di dollari, mezzo milione in più dei 2 milioni necessari per fare domanda di riconteggio nel Wisconsin, i cui termini scadono domani, venerdì.

Un dettagliato documento di 18 pagine con tutti i dubbi e le perplessità sui voti in Michigan, Wisconsin e Pennsylvania. Non si fa invece menzione, come si riteneva inizialmente, alla sporporzione della vittoria di Trump nelle contee dove è presente solo il voto elettronico. Alex Halderman, direttore del Centro per la Sicurezza informatica dell'Università del Michigan, secondo il quale "una spiegazione per l'esito delle elezioni presidenziali del 2016 è che un attacco informatico abbia influenzato il risultato". Hacker professionisti avrebbero potuto cambiare il risultato e "non lasciare alcuna prova visibile esteriormente".

E' solo l'inizio: nei prossimi giorni, infatti, scadranno i termini per presentare la richiesta di verifica dei voti anche negli altri due Stati, Pennsylvania e Michigan, rispettivamente lunedì e mercoledì.