Tanaro esonda nel Cuneese, strade chiuse

Tanaro esonda nel Cuneese, strade chiuse

La pioggia continua a battere incessantemente in Piemonte, innanzitutto nell'area dell'alto Tanaro, cominciano a segnalarsi esondazioni ed allagamenti.

Maltempo, le onde nere del Tanaro: il fiume minaccia il paese di Garessio Gli abitanti di Garessio osservano preoccupati il fiume Tanaro, esondato a causa del maltempo. Mentre Garessio è divisa in due dopo che il corso d'acqua ha scavalcato il ponte.

Si consiglia di seguire gli aggiornamenti idro-meteo che verranno pubblicati sul sito di Arpa Piemonte e le indicazioni di comportamento della Protezione Civile della Regione Piemonte. Segnalati gravi problemi a Ceva, dove è esondato il rio Cheironzo e dove la statale per San Bernardino è stata chiusa a causa di una frana. Non risultano feriti ma il palazzo di fronte, al civico 7, è stato evacuato a scopo precauzionale. Il Tanaro ha raggiunto il livello idrometrico di 4,29 metri. "La situazione è costantemente monitorata - ha spiegato Curcio - e siamo in continuo contatto con Regioni e prefetture: c'era un'allerta rossa e questo ha consentito di prendere provvedimenti". Interrotto il lavoro in alcune fabbriche, la protezione civile sta invitando le persone a salire ai piani alti delle case. Il Comune di Genova ha subito annunciato che domani le scuole resteranno chiuse.

Chiusi i ponti Odasso, Barjols e 'della Lepetit'. Altrove i livelli idrometrici si mantengono al di sotto dei livelli di guardia. Sul settore più settentrionale (biellese e vercellese) è attesa intensificazione delle piogge.

LA MAPPA - La situazione del maltempo diventa sempre più critica su Liguria e Piemonte, le piogge non smettono di cadere sulle due regioni e anzi, continueranno almeno fino a stasera.

Il presidente del consiglio, Matteo Renzi, oggi non andra' a Torino per sostenere il sì al referendum sulla riforma costituzionale del 4 dicembre. 0+600 in corrispondenza del ponte sul fiume Tanaro. I vigili del fuoco, intervenuti sul posto, hanno sfondato il portone, consentendo così al personale di portare via le auto e il resto del materiale sensibile presente nella caserma. Il traffico e' deviato temporaneamente sulla viabilita' locale.

Esondazoni di rivi e torrenti, allagamenti, frane, strade chiuse e decine di abitazioni evacuate è bilancio dell'ondata di maltempo che sta colpendo la Liguria ed in particolare le province di Imperia e Savona. Molti fiumi e torrenti, soprattutto nelle zone di confine con Francia e Piemonte sono al livello di guardia. In alcune zone del Ponente ci sono stati picchi di 130 mm di acqua nelle 12 ore.

I Sindaci di Biella, di Borgofranco, Nebbiuno, Arona e Novara, di Pomaretto, Angrogna, Villar Pellice, Trana, e Perosa Argentina e di Ornavasso hanno attivato i Centri operativi comunali, COC. Ad Albenga, il fiume Centa ha rotto gli argini allagando strade e scantinati.