Siria: Trump e Putin si sono sentiti per telefono

Siria: Trump e Putin si sono sentiti per telefono

Il 14 novembre, il presidente russo, Vladimir Putin, ha avuto il primo colloquio telefonico con il neo eletto presidente americano, Donald Trump, con cui ha discusso sulla situazione dei rapporti bilaterali.

Secondo quanto riportato dal Cremlino al centro dei colloqui ci sono stati la lotta al terrorismo internazionale e la questione siriana.

Dopo il telegramma prontamente inviato da Vladimir Putin a Donald Trump per congratularsi della sua elezione, tra i due è scattata la prima telefonata. Il capo del Cremlino si è inoltre congratulato con l'omologo statunitense per la sua elezione. "Il presidente russo si è detto pronto a costruire un dialogo fra partner con la nuova amministrazione sui principi di uguaglianza, rispetto reciproco e non interferenza nei rispettivi affari interni".

Il presidente uscente Barack Obama ha fatto da garante, da questo punto di vista, parlando di una "enorme continuità nelle relazioni estere degli Stati Uniti continuerà con il presidente-eletto, Donald Trump, che ha mostrato un grande interesse nel mantenere le relazioni estere".

I due leader hanno deciso di proseguire i loro contatti, non escludendo la possibilità di incontrarsi personalmente. "Nel nostro incontro - ha detto Obama - Trump è stato sincero quando ha detto di voler essere presidente per tutti gli americani".

Putin aveva lodato Trump e la sua personalità "colorata" durante la campagna elettorale e ha accolto con favore il suo impegno per migliorare il rapporto con Mosca. Così Trump, che ha aggiunto: "Trovare un accordo per la crisi in Siria" (dove Mosca è alleata di Assad, Ndr). Entrambi i leader hanno convenuto che promuovere gli scambi economico-commerciali sia importante per i legami bilaterali di Russia e Stati Uniti.