Retroscena Fiorentina-Crotone: quella voglia dei viola di non giocare

Retroscena Fiorentina-Crotone: quella voglia dei viola di non giocare

Era stato Falcinelli, dopo una lunghssima pausa per pioggia e campo impraticabile, a dare il vantaggio ai calabresi. Il direttore di gara Gavilucci, infatti, è stato costretto a sospendere il match vista l'impraticabilità del campo, colpito da un autentico nubifragio. Piove forte sul Franchi, la decisione è legittima.

Nel caso in cui la partita dovesse essere definitivamente rinviata senza che sia recuperata nelle prossime 48 ore, nelle Leghe Fantagazzetta i fantallenatori potranno scegliere a piacimento se applicare il 6 politico o attendere che la gara sia disputata.

Rosa praticamente al completo per Paulo Sousa e questa non è certamente l'unica buona notizia in casa viola. Non è sufficiente a trovare i primi tre punti, però è un segnale di vita. Poche idee, tanta confusione in campo e singoli sottotono, in particolar modo Bernardeschi e Babacar.

Nella ripresa Sosa mette subito Kalinic per Olivera. Al 62' bellissima conclusione di Ilicic messa fuori, sugli sviluppi del corner successivo è invece impreciso l'inserimento di Vecino. Ma la sensazione è che a Firenze non smetterà di piovere a breve. Serve qualcosa in più. Basta un tiro alla meglio che può provocare un'azione sbilenca ed il gol è fatto.

Ancora una volta i minuti i finali costano caro al Crotone di Davide Nicola che vede svanire a soli 5′ dalla fine la speranza di portare a casa la prima vittoria del campionato in una gara davvero infinita, contro una Fiorentina un po' spossata che riequilibra il risultato solo grazie ad una disattenzione degli squali, come al solito su palla inattiva. "Le partite come quella di domani sono molto pericolose". Nel finale Cordaz salva sui tentativi di Zarate e Badelj, e salva quantomeno il pareggio per il Crotone. Questo ci porta più difficoltà nel vincere le partite. Milan non è arrivato alla sua migliore condizione ancora, ma non è da solo.