Napoli, blitz in corso contro il clan Mallardo: arrestati anche imprenditori

Napoli, blitz in corso contro il clan Mallardo: arrestati anche imprenditori

Riciclaggio e camorra i reati imputati agli affiliati del clan Mallardo. In manette sono finiti Anna Aieta, moglie del capoclan Francesco Mallardo, e Salvatore Lucente (genero dello stesso capoclan).

Il clan Mallardo opera nel territorio di Giugliano in Campania e nell'area Nord di Napoli, dove gestisce diversi affari. Gli agenti della squadra mobile, della D.I.A., Direzione Antimafia, i carabinieri del nucleo investigativo e gli uomini del nucleo P.T. della Guardia di Finanza stanno eseguendo arresti, si legge in una nota, nei confronti di imprenditori complici ed esponenti di vertice del clan camorristico. L'indagine sarebbe nata a seguito di accurati studi e intercettazioni su vari casi di riciclaggio all'interno del clan Mallardo. Oltre ad Anna Aieta c'è Lucente Salvatore, il marito di una figlia di Ciccio Mallardo. DE FORTIS NADI Ciro - che è stato raggiunto dalla misura cautelare quale prestanome di LUCENTE SALVATORE- è un imprenditore storicamente attivo nel settore della distribuzione del pane che ha preso LUCENTE SALVATORE quale socio di fatto in diverse società, condividendo con lui strategie imprenditoriali e acquisendo dallo stesso provviste liquide che reimmetteva - proprio attraverso le diverse società - nei circuiti economici leciti. Uno degli impresari è anche accusato di aver favorito i Mallardo per aver assunto la moglie di Ciccio. Tale consegna veniva riscontrata anche dalla registrazione del rumore dell'apertura e chiusura del borsello che Esposito aveva portato con se, a cui seguiva la rendicondazione delle somme. Nel corso del blitz sono stati stati sequestrati beni mobili e immobili, più attività produttive e commerciali, per un valore di 10 milioni di euro.