Maltempo:su Ponente Genova caduti 300mm pioggia in poche ore

Maltempo:su Ponente Genova caduti 300mm pioggia in poche ore

Due nuclei familiari sono stati infatti invitati dai soccorritori ad abbandonare le rispettive abitazioni a causa di frante verificatesi in corrispondenza di via Costa d'Erca e via Fabbriche. Lo ha spiegato l'assessore regionale alla Protezione civile, Giacomo Giampedrone, sottolineando che "è chiaro che la situazione prevede per le prossime quarantott'ore un quadro complicato e in divenire da trattare con molta attenzione".

La situazione peggiore si registra tra i comuni di Mele e Masone dove uno smottamento ha provocato la parziale chiusura dell'ex strada provinciale che collega i due comuni: la carreggiata al momento è percorribile solo su una corsia.

Genova. Il deflusso delle acque del Cerusa è continuamente monitorato e attualmente sembra regolare, quindi, se confermato, domani potrebbero essere aperte le scuole di Fabbriche e Crevari. Frane anche a San Carlo di Cese e a Fiorino.

Frane anche nell'Imperiese, chiusa statale 28. La linea di convergenza tra i venti che insiste da ore sul centro della Liguria ha fatto toccare alla stazione di Isoverde, nel comune di Campomorone (Genova) i 230 millimetri dalla mezzanotte. Per precauzione resta chiusa anche l'Aurelia tra Voltri e Arenzano, nel tratto interessato dai lavori di messa in sicurezza per la frana.

Gli operai al lavoro
Gli operai al lavoro

Due smottamenti si sono verificati tra Perinaldo e Vallebona. Nel genovesato diversi i disagi che hanno reso necessario l'intervento di vigili del fuoco e controlli della protezione civile.

Le zone di allertamento - A: Lungo la costa da Ventimiglia fino a Noli, l'intera provincia di Imperia, la valle del Centa; B: Lungo la costa da Spotorno a Camogli comprese, Val Polcevera e Alta Val Bisagno; D: Valle Stura ed entroterra savonese fino alla Val Bormida; E: Valle Scrivia, Val d'Aveto e Val Trebbia. Sono in corso le ricerche dell'uomo e le operazioni per trarre in salvo gli altri due migranti.

Il Coc (Centro Operativo Comunale) di Genova si è riunito alle ore 00.30 e ha messo in atto le azioni previste dal Piano comunale di emergenza per la gestione del rischio meteo-idrogeologico.