Madre a 12 anni: ragazzina partorisce in una clinica privata barese

Madre a 12 anni: ragazzina partorisce in una clinica privata barese

La ragazzina, di cui non sono state diffuse le generalità per questione di riservatezza, ha partorito un maschietto di 3 chili attraverso un cesareo.

Benché ammantata da un decoroso riserbo, la notiza riportata dal Quotidiano Italiano di Bari ha fatto presto il giro dell'intero Stivale: una coppia di giovanissimi, dodici anni lei, quasi quattordici lui, ha dato alla luce un figlio in una clinica del capoluogo pugliese. L'episodio è stato segnalato al Tribunale per i minorenni che interverrà per garantire la tutela del neonato e dei due minorenni. La loro scelta di tenere il bambino sarebbe stata appoggiata da entrambe le famiglie.

La Garante per l'infanzia e l'adolescenza della Regione Puglia, Rosy Paparella, ha commentato la vicenda in tono preoccupato "Queste notizie ci devono fare allargare lo sguardo a quello che sta accadendo attorno a noi". I ragazzini hanno esperienze sessuali sempre più precoci e di conseguenza assistiamo a gravidanze più precoci. Esiste una esposizione al rischio un po più diffusa. Il caso della madre bambina acquista una connotazione oltremodo singolare, visto che la notizia trapela proprio nel giorno in cui si celebrano l'infanzia e l'adolescenza. A noi fa comodo immaginare che queste esperienze tocchino contesti sociali un po' più deprivati. Tra le particolari situazioni problematiche che interessano i ragazzi e le ragazze tra i 15 e i 19 anni di età, il dossier elenca anche quelle legate alla sessualità. Numeri in deciso aumento secondo quanto riferisce anche la Garante: "In qualche maniera questi ragazzi ci stanno chiedendo aiuto".