Madia, +85 euro in rinnovo contratti PA

Madia, +85 euro in rinnovo contratti PA

Il governo starebbe valutando le osservazioni di Cgil, Cisl e Uil, che in particolare chiedono aumenti non inferiori a 85 euro, mentre per ora l'apertura dell'esecutivo è su 85 euro come media.

Governo e sindacati trattano a oltranza per arrivare a chiudere un accordo sul rinnovo del contratto del pubblico impiego, fermo dal 2010. Al momento il confronto a Palazzo Vidoni e' sospeso, secondo quanto riferiscono i sindacati. Dunque la richiesta e' di superare gli atti unilaterali, cioe' le previsioni della legge Brunetta e della Buona Scuola, riportando tutto nella contrattazione.

Questo però potrebbe essere solo il punto di partenza, visto che la Madia ha assicurato che con le sigle sindacali si sta lavorando ad una bozza di accordo per poi procedere formalmente, nel caso ci fosse l'intesa, al rinnovo dei contratti.

L'intenzione del ministro e' quella di convocare per domani i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil. Marianna Madia si augura che oggi sia "una giornata produttiva e proficua". Inoltre, sarebbe prevista la possibilità di modificare le norme in vigore, superando la riforma Brunetta.

Il Comitato di Settore Regioni Sanità, anche su proposta del Ministero della Salute, negli Atti di indirizzo che danno direttive all'ARAN per il rinnovo della contrattazione del personale del SSN sono state adottate scelte di campo significative ed avanzate anche nuove e discontinue, individuando le scelte strategiche ed avviando a soluzione alcune delle questioni più rilevanti riguardanti il personale sulle quali da tempo si stava operando per risolverle. Intanto sotto il ministero prosegue il presidio dei lavoratori Usb che giudicano "gravissima" la loro esclusione al tavolo "in barba alle regole democratiche" e parlano di contratto "truffa".