La rottamazione delle cartelle Equitalia dopo gli emendamenti

La rottamazione delle cartelle Equitalia dopo gli emendamenti

La domanda dovrà essere presentata entro il 31 marzo 2016, su un modello apposito. E ancora, in caso di condono rateizzato, l'ultima rata non dovrà essere pagata entro marzo del 2018 ma entro settembre 2018.

Per presentare la domanda, il debitore deve manifestare all'Agente della Riscossione, Adr (Alternative Dispute Resolution) o Equitalia, la sua volontà di avvalersi della sanatoria e che potrà farlo semplicemente scaricando il modulo messo a disposizione da Equitalia nel proprio sito.

Beffata dalla Corte di Cassazione la rottamazione delle cartelle esattoriali Equitalia. Un pensiero che, per uno Stato assetato di risorse, ha anche un senso, se non si scontrasse, per certi versi, con i tempi in cui la riscossione viene richiesta. Sarà possibile usufruire dello "sconto" anche per l'Iva, ma solo se l'imposta non riguarda il pagamento all'importazione. Per le multe stradali, invece, non si pagheranno interessi di mora e maggiorazioni previste dalla legge. Inoltre, dato che il beneficio maggiore della rottamazione delle cartelle riguarda la cancellazione delle sanzioni e relativi aggi, degli interessi di mora e di dilazione, e delle altre sanzioni e somme aggiuntive, cioè degli accessori dovuti sui ritardati e omessi pagamenti dei contributi previdenziali è chiaro che la norma agevolerà i contribuenti che hanno cartelle in Equitalia dal 2000 al 2015 sulle quali non hanno pagato nulla e non hanno neache presentato ricorso.

Fra i punti cardine del testo c'è l'addio a Equitalia, le cui funzioni di riscossione saranno internalizzate dall'Agenzia delle Entrate, e la rottamazione delle cartelle esattoriali. Invierà anche i bollettini.

Vediamo, ora, quali sono le date da non dimenticare. Dal 24 aprile al 31 maggio. In ogni caso, almeno il 70% del debito deve essere pagato entro la fine del 2017. Salta la "rottamazione" e tornano a scattare sanzioni e interessi delle vecchie cartelle.

Circa le modalità di pagamento, quest'ultimo potrà essere fatto in un'unica soluzione oppure ratealmente. Possibile anche versare agli sportelli del concessionario della riscossione.

Confconsumatori attiva un nuovo sportello di assistenza dedicato alla "rottamazione" delle cartelle Equitalia, ovvero la Definizione agevolata prevista nell'articolo 6 del decreto legge n. 193/2016 e successive modifiche emendate, ancora in discussione nelle aule parlamentari, che si applicherà alle somme riferite ai carichi affidati a Equitalia tra il 2000 e il 2016, compresi gli avvisi di addebito o raccomandate informative inviate da Equitalia sull'esistenza di debiti per i quali non è stata ancora notificata la cartella. Tanto più alto è il debito in forma capitale, tanto maggiore sarà la convenienza a richiedere l'agevolazione; le sanzioni e gli interessi moratori, infatti, sono proporzionali alla somma dovuta. Per chi aderisce si bloccano le rate concordate ma solo dal 2017: quindi vanno versate le eventuali rate in scadenza quest'anno fino a tutto dicembre.