Erdogan: Niente Più Europa, la Turchia Può Avvicinarsi a Russia e Cina

Erdogan: Niente Più Europa, la Turchia Può Avvicinarsi a Russia e Cina

Per il presidente turco Recep Tayyip Erdogan però, l'esito di domani per loro "non ha nessun valore".

Erdogan ha affermato anche di aver già discusso l'idea con il presidente russo Vladimir Putin e il presidente kazako Nursultan Nazarbayev.

Sono in totale 21.929, i funzionari del ministero degli Interni turco licenziati nell'ambito delle indagini per il fallito golpe del 15 luglio.

Erdogan, insieme a molti altri cittadini turchi, non ha gradito la reazione occidentale, ritenendo che l'Ue sia molto più preoccupata dei diritti umani dei presunti cospiratori piuttosto che della gravità del tentato putsch, in cui hanno perso la vita oltre 240 persone.

"Dopo il voto, la gente è scesa per strada in diversi paesi d'Europa e ha cominciato a chiamarlo dittatore". "Perché non rispettate il risultato del voto?". Nello specifico, la proposta, visionata da Reuters, avrebbe permesso che le condanne per abusi sessuali commessi "senza forza, minaccia o inganno" prima del 16 novembre 2016 venissero posticipate a tempo indefinito se il responsabile del reato avesse sposato la vittima. "La politica è il luogo dove i problemi vengono risolti", ha dichiarato il premier annunciando il rinvio del disegno di legge in commissione.

"La Turchia non deve essere 'fissata' con l'Ue - ha detto il presidente turco Erdogan di ritorno da un viaggio in Uzbekistan un paio di giorni fa - abbiamo alternative all'ingresso nel mercato unico e una può essere il Patto di Shanghai".

"Dobbiamo mantenere aperto il dialogo con la Turchia", ma "ciò non esclude il fatto che si parli chiaramente dello sviluppo di eventi allarmanti in quel paese". Così, anche i rapporti tra Germania e Turchia, appaiono sempre più tesi. Lo scollamento dall'occidente potrebbe però presto portare Erdogan a guardare di più a oriente, alla Russia e non solo.