Energia: Iran valuta proposta Algeria su quote di produzione Opec

Energia: Iran valuta proposta Algeria su quote di produzione Opec

Il ministro saudita del Petrolio, Khalid Al-Falih, che aveva spinto a lungo per un taglio della produzione dell'OPEC, aveva cambiato domenica il suo tono, affermando di ritenere che un accordo non sia necessario e che il mercato ritroverà un equilibrio anche senza un intervento del cartello. L'Opec stima che un simile accordo riporterebbe il prezzo del greggio a 50 dollari al barile, nonostante l'eccesso di rifornimenti presente sui mercati. Una riunione tecnica per stabilire i contribuiti dei singoli Paesi ai tagli si è conclusa con un nulla di fatto, perché l'Iran vuole produrre circa il 7% in più rispetto al livello proposto dall'Arabia Saudita. Stamane il prezzo del petrolio e' in calo, a dimostrazione dell'incertezza che regna a Vienna, dove emergono ancora forti resistenze alla proposta mediatrice dell'Arabia Saudita di un taglio della produzione del 2% a 32,5 milioni di barili. "In caso di fallimento, la discesa dell'oil potrebbe essere significativa nel breve". Con presupposti del genere sarà davvero possibile raggiungere un accordo OPEC sulla produzione? Mentre la Russia finora ha resistito alle richieste dell'Opec di partecipare al taglio. Cosa aspettarsi dalla riunione OPEC di oggi e cosa c'è da sapere in merito al meeting di Vienna? Goldman Sachs non ha comunque escluso una caduta dei prezzi al di sotto dei 40 dollari al barile, anche se attualmente viene ritenuta poco probabile.

Se all'incontro dell'OPEC di settimana prossima i paesi membri dell'organizzazione concorderanno di limitare la produzione, il prezzo del petrolio potrebbe salire fino a 60 dollari al barile (circa 56 euro) e generare un aumento della produzione globale - soprattutto da parte dei produttori di shale oil, il petrolio di scisto, degli Stati Uniti, che non fanno parte dell'OPEC - ha detto durante un'intervista a Bloomberg Television Fatih Birol, direttore esecutivo dell'AIE, che ha sede a Parigi. Il meeting OPEC di Vienna riuscirà davvero a partorire un accordo sulla produzione?