Westworld è il debutto HBO migliore dai tempi di True Detective

Westworld è il debutto HBO migliore dai tempi di True Detective

L'autore, seppur non abbia mai lavorato ad un videogame, si è anche detto affascinante dalla potenza della narrativa dei videogiochi, in cui le azioni del protagonista non sono parte della storia già scritta. La serie debutta negli Stati Uniti il 2 ottobre 2016 sul canale HBO. Nel frattempo, l'Uomo in Nero (Ed Harris) costringe un condannato a morte, Lawrence (Clifton Collins Jr.), ad aiutarlo a scoprire i segreti più profondi di Westworld. Scritto da Jonathan Nolan, fratello minore di Christopher, è un riadattamento dell'omonimo film girato nel 1973 da Michael Crichton. Sarà inoltre disponibile anche su Sky On Demand. Si tratta, nello specifico, di un resort futuristico e di lusso che ricostruisce il vecchio West.

Un misterioso antagonista sta portando avanti una ricerca pericolosa e complessa e gli umanoidi perdono il controllo... Allo sceriffo, ai ricercati, alle prostitute ed ai cowboys (gli host) che animano la scena si inseriscono senza soluzione di continuità gli ospiti (guest, appunto) che vivono il loro facoltoso sogno alternativo ed interattivo negli anni della corsa all'oro.

Che ve ne pare di questa anteprima della stagione 1 di Westworld? Le anticipazioni e gli spoiler sono ancora pochi, ma la HBO dopo la messa in onda di Game of Thrones 6×09, ha mandato in onda il teaser trailer ufficiale di Westworld, serie tv co-creata da Jonathan Nolan con Lisa Joy e prodotta da JJ Abrams.

In questo periodo in cui il pubblico è abituato alle rotture delle tradizionali strutture delle storie, sicuramente proveremo ad esplorare tutte le potenzialità delle diverse trame di Westworld. Descritta come "un'oscura odissea sull'alba della coscienza artificiale e sul futuro del peccato" (che il peccato abbia un futuro è abbastanza scontato), Westworld racconta di un parco a tema abitato da robot: in alto ci sono ricchi clienti desiderosi di giocare con il futuro (un futuro che indossa abiti del passato), in basso invece agiscono robot progettati per interpretare una parte in una sorta di film western ambientato nella Monument Valley, lo scenario ideale dei film di John Ford. In questo pilot è inevitabilmente l'idea di partenza, e lo capiamo già dal dialogo fra Dolores (la superlativa Evan Rachel Wood, 3 spanne sopra il seppur altissimo livello di recitazione del resto del cast capitanato da Anthony Hopkins) ed il responsabile Stubbs, ma anche dall'inquadratura iniziale con la mosca che cammina sull'iride della stessa Dolores senza che ci sia reazione alcuna di ritorsione: il paragone con l'ultima scena è altamente dicotomico e lascia intendere una parabola in caduta libera in tempi abbastanza rapidi.

C'è molta curiosità su Westworld, anche perché la serie tv presenta un cast di tutto rispetto.