Sanatoria Equitalia: così la rottamazione delle cartelle

Sanatoria Equitalia: così la rottamazione delle cartelle

Secondo Faraone "l'abolizione di Riscossione Sicilia rappresenterebbe una semplificazione amministrativa, un risparmio per le casse pubbliche regionali e un vantaggio per i siciliani analogo a quello che avranno tutti gli italiani con l'abolizione di Equitalia". Fanno 17.500 euro per ogni italiano. Il rischio però che si tratti solo di un restyling solo di facciata (condizionato in parte dall'imminente referendum costituzionale) è più che fondato: a cambiare, infatti, è solo il soggetto che riscuote, non i mezzi.

I 100 miliardi di cui sopra sono una grandezza teorica. Quindi siamo di fronte a una mostruosa stratificazione quasi ventennale delle somme da riscuotere. La più ovvia: 81 miliardi sono già stati riscossi.

Quando e come pagareNon è ancora chiaro se la rottamazione sarà automatica o se, come più probabile, attivata su richiesta dei contribuenti. Ma, considerati i 106 miliardi riscossi o in via di incasso, di miliardi ne restano ben 944.

E' in arrivo la sanatoria per chi ha debiti con il fisco. Ci sono sette risposte.

Sembra cosa fatta anche la cancellazione di Equitalia e, al suo posto, l'attribuzione dei compiti di riscossione delle imposte non pagate all'Agenzia delle Entrate. "Accanto a chi non paga perché vuole fare il furbo, c'è anche chi vorrebbe farlo ma per motivi diversi non ha potuto". La seconda: ci sono 138 miliardi dovuti da soggetti che nel frattempo sono falliti. Tra contenziosi aperti, impossibilità a perseguire gli incapienti e norme a salvaguardia dei contribuenti, riesce a "esigere" su 1.058 miliardi di euro accertati soltanto il 5 per cento. Anche se le probabilità di incamerarla, considerati gli incentivi, aumenta. Collegato alla manovra per il 2017 il governo ha approvato un decreto fiscale che manderà in soffitta la vecchia agenzia per la riscossione, che sarà assorbita, anche se con un po' di tempo, dall'Agenzia delle Entrate.

La rottamazione prevista dal decreto varato sabato dall'Esecutivo insieme alla legge di Bilancio 2016 riguarderà 3,1 milioni di contribuenti per un ammontare di cento miliardi di euro di cartelle esattoriali accumulate.

È questo l'annuncio dato dal governo Renzi nelle ultime ore: entro la primavera Equitalia sarà un lontano (e brutto) ricordo.

Chi perderà questa finestra temporale di troverà nella situazione precedente; quindi a dover pagare sanzioni e interessi per mora. Queste realtà provvedono a recuperare multe non pagate o tasse dovute tramite società scelte dall'amministrazione comunale. E poi? Saldate con lo sconto le cartelle, chiusa formalmente Equitalia il 30 giugno 2017, cancellati a fine 2017 i crediti inesigibili, si potrà ripartire da zero in base al piano cui sta lavorando lo stesso amministratore delegato di Equitalia, Ernesto Maria Ruffini. Dove e come pagare, i moduli per le richieste di rateizzazione, i servizi al cittadino e alle imprese, sono tutte informazioni organizzate in voci di navigazione disposte nella parte alta della home page, suddivise in: "Trova sportello", "Bandi & Avvisi", "Modulistica", "Servizi".