Sampdoria, Giampaolo: "Il Pescara di Oddo squadra sbarazzina. Formazione fatta, ma..."

Sampdoria, Giampaolo:

La formazione di Giampaolo deve assolutamente trovare continuità, eliminando quell'andamento "a sprazzi" che ha caratterizzato le sue ultime uscite; 4-3-1-2 lo schema del tecnico blucerchiato, ormai rodato e con due punte esperte come Muriel e Quagliarella, dietro alle quali non ci sarà Barreto, fermato da un infortunio, ma Ricky Alvarez.

Allenamento di rifinitura oggi al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo per il Pescara, che domani pomeriggio affronterà la Sampdoria in un match di importanza capitale in ottica salvezza.

Questa mattina, in conferenza stampa, il tecnico Massimo Oddo ha parlato di sfida importante, ma non certo decisiva dopo otto gare. E in quest'ottica vanno lette le possibili novità di formazione che riguarderanno la Sampdoria in vista della partita di Pescara.

"Avevo appena trent'anni e quella è stata una prima significativa tappa per la mia crescita professionale, perché ho potuto capire le dinamiche interne ad un club". Così il tecnico Giampaolo: "A Pescara bisogna fare bene e fare punti". Come arriva la squadra a questo appuntamento? "I ragazzi che ho potuto allenare ci arrivano bene, quelli che sono rientrati dagli impegni con le Nazionali sono a disposizione e hanno giocato tutti".

"Oddo lo conosco da sempre perché mi ha allenato suo papà - riallaccia il filo col passato il mister -. Ad ogni modo questa è una sfida che non si può sbagliare". Lui era piccolo e veniva a vedere gli allenamenti. Non a caso, a Pescara, hanno messo in difficoltà squadre come Napoli, Inter e Torino ed hanno sbagliato soltanto la gara persa con il Chievo, mentre in trasferta si è ben comportata a Sassuolo. Però, ripeto, pensiamo a noi, alla Samp e alla partita che dovremo fare: "attenti, concentrati, convinti delle nostre idee di calcio e delle nostre qualità", chiosa.