Roma 2024, il Campidoglio dà l'ok: niente Olimpiadi

Roma 2024, il Campidoglio dà l'ok: niente Olimpiadi

A presiedere i lavori il pentastellato Marcello De Vito. A chi le chiedeva un commento sull'assenza della sindaca Raggi in Aula, dove è invece presente il vicesindaco e assessore allo Sport Daniele Frongia, Bianchedi ha risposto: "Io oggi mi rivolgevo ai consiglieri perché la sindaca ha espresso già la sua opinione".

OPPOSIZIONE - "La scelta che sta facendo questa nuova maggioranza è un danno grave per la città in termini di opportunità. L'ho appreso adesso a mezzo stampa, verificherò quello che è successo". "Niente dimissioni, non mi risulta - dice il presidente della commissione capitolina bilancio Marco Terranova (M5S) -, non sono informato abbastanza per rispondere".

Roma è fuori dalla corsa per le Olimpiadi del 2024.

Nel testo del documento si legge che "tenuto conto che fra le città per le quali era stata prospettata l'ipotesi di una candidatura, poi non più presentata e/o ritirata, vi sono Dubai, San Diego, Amburgo (ritirata a seguito di un referendum popolare), Madrid (ritirata dal sindaco) e Boston (ritirata dal sindaco per l'elevato rischio che i costi ricadano sui cittadini); coerentemente con quanto sempre sostenuto dal M5S si ritiene, anche a fronte di una approfondita analisi che ha preso in considerazione il mutato contesto economico e socio-politico, che non sussistano più le condizioni per proseguire nell'iter di presentazione della candidatura della città di Roma ai Giochi olimpici e paraolimpici del 2024". E il consigliere grillino Angelo Sturni, ha ribadito che "il no, lo abbiamo detto in campagna elettorale, al Parlamento e confermato con una mozione che stiamo per approvare".

"Chiediamo solo la possibilità di fare intervenire personalità esterne come normale in un consiglio straordinario - ha detto il capogruppo della lista Marchini Alessandro Onorato - Perché avete paura del confronto?". La seduta, a cui ha partecipato anche la sindaca di Roma Virginia Raggi, è stata caratterizzata da momenti di forte tensione. Meglio farcela senza 'aiutini', puntando sulle proprie capacità che, è il loro ragionamento, non hanno sesso. Ospitare le Olimpiadi 2024 "era proprio il modo, penso l'unico, ma sono felice se ne hanno altri, per avere risorse che vengono messe a disposizione della città e del territorio". Bocciate le mozioni delle opposizioni che chiedevo alla giunta di supportare la candidatura. Siccome non è la giunta che dialoga e comunica con il Cio (Comitato olimpico internazionale), ma è il Coni a tenere i rapporti, istituzionali e diplomatici, il primo dribbling alla Messi viene facile.