Processo Ruby ter: 23 rinvii a giudizio

Processo Ruby ter: 23 rinvii a giudizio

Il processo prenderà il via l'11 gennaio prossimo. Per nascondere la verità sulle cosiddette "cene eleganti" di Silvio: il gup di Milano, Laura Marchiondelli, ha rinviato a giudizio Karima El Mahroug e altre 22 persone tra cui il suo ex avvocato Luca Giuliante, il giornalista Carlo Rossella e la senatrice di Forza Italia Mariarosaria Rossi (entrambi accusati per falsa testimonianza), nonché numerose ragazze ospiti delle feste ad Arcore, nell'ambito del processo Ruby ter. L'indagine e' nata dalla trasmissione alla Procura da parte del Tribunale di Milano dei verbali dei processi Ruby e Ruby bis, il primo a carico di Silvio Berlusconi, il secondo nei confronti di Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti. L'accusa, a vario titolo, e' falsa testimonianza e corruzione in atti giudiziaria, reato quest'ultimo contestato anche a Silvio Berlusconi, la cui posizione e' stata stralciata e la prossima udienza (in sede preliminare) si svolgera' il 15 dicembre. Durante l'udienza di oggi, i legali di Mancuso, Salvatore Burzillà e Rosario Pennisi, hanno sostenuto la tesi del suicidio e sottolineato che secondo la valutazione dei loro periti "l'elemento trovato sulla vittima non è sangue ma sono tracce biologiche".

Originariamente il numero degli imputati era maggiore rispetto a quello per cui oggi è stato disposto il giudizio. Già ad aprile il giudice aveva spacchettato il processo e trasmesso gli atti per competenza a Roma in relazione alla posizione di Mariano Apicella, a Monza per quella delle showgirl Elisa Toti e Aris Espinosa, a Pescara aveva mandato l'ex 'meteorina' Miriam Loddo, a Treviso la bionda ex protagonista del Grande Fratello Giovanna Rigato, a Siena il pianista Danilo Mariani e a Torino la soubrette Roberta Bonasia.