Pippo Baudo: "La mia nuova Domenica In? Avrei voluto inventare Chiara Francini"

Pippo Baudo:

E ora non resta che vederla in tv, da domenica 2 ottobre, su Rai Uno.

Quest'anno la più longeva della trasmissioni italiane sarà condotta dal veterano Pippo Baudo (per la tredicesima volta) affiancato dall'attrice toscana Chiara Francini. Si annuncia uan 'Domenica In' non nostalgica ma legata all'attualita', con una serie di rubriche e di appuntamenti che andranno dal cinema al teatro, dalla musica alla danza, dalla presentazione di libri (di piccoli e grandi autori) alle mostre d'arte piu' prestigiose della settimana. Il programma infatti vorrà come sempre intrattenere il telespettatore e al contempo tenerlo informato. L'orchestra di 12 elementi diretta dal maestro Bruno Biriaco non sarà un semplice contrappunto musicale, ma un vero e proprio elemento di racconto e di spettacolo: "insieme agli ospiti ripercorrerà la storia della musica italiana e internazionale di ieri e di oggi, accompagnando gli artisti nelle loro esibizioni, e raccontando in musica la storia e l'attualità del nostro paese". Nella prima puntata lo spazio riservato ai 40 anni di Domenica In sarà dedicato a Corrado. "In Baudo ho visto grinta, forza e anche capacita' di lavorare in gruppo e mettere in piedi un'edizione che ci dara' grandi soddisfazioni". "Sono felice", dice ricordando che nelle precedenti dodici edizioni del programma da lui guidate gli è capitato di tutto: "Ballare con Sean Connery, con lui che faceva la donna, o intervistare per 40 minuti Robert De Niro che aveva dato una disponibilità di 5 minuti". Il primo incontro voleva essere una chiacchierata ripresa dalle telecamere in cui avrei dovuto anche cantare un brano. Continuerò a farlo, se servirà. Voglio che la musica abbia un ruolo centrale.

Pippo Baudo:
Pippo Baudo: "La mia nuova Domenica In? Avrei voluto inventare Chiara Francini"

Ma a Pippo preoccupa la battaglia degli ascolti tv? Puntiamo a rilanciare un marchio e un programma storico della Rai: chi meglio di Baudo?

E incalza sulla nota dolente del leit motiv "a volte ritornano": "Solo da noi c'è questa voglia di seppellire". L'obiettivo è di proporre una domenica pomeriggio piacevole, godibile ma con contenuti di un certo spessore. "Altrimenti fateli vivere!". Fabiano: "Giudicare una scelta per motivi anagrafici è un ragionamento arido". Difende il suo diritto a esserci: "Non mi ritengo estinto, seppelliteci quando avremo smesso di pensare". Ballerò? No, anche se non sono malaccio in body. Mentre Baudo prima scherza dicendo che "allora ogni punto di share in più" chiederà dei soldi e poi aggiunge più serio: "Ostento sicurezza però ho delle paure anche io".