Pil, Upb: stime governo fuori linea, incerto ok Ue a deficit 2,4 %

Pil, Upb: stime governo fuori linea, incerto ok Ue a deficit 2,4 %

Agenpress - "Nello scenario programmatico per il 2017, la dinamica del prodotto è significativamente maggiore di quella del quadro tendenziale". Le previsioni del governo fissano un Pil programmatico al +1% nel 2017 contro un +0,6% di Pil tendenziale.

C'è un filo di ottimismo di troppo nelle previsioni di crescita inserite nel Documento di Economia e Finanza appena varato dal governo.

Nel corso di un'audizione alla Camera sulla Nota di aggiornamento al Def, l'Ufficio parlamentare di bilancio (Upb), autorità indipendente chiamata a valutare i conti pubblici, ha bocciato la suddetta nota.

La legge di stabilità 2017 sarà presentata entro il 20 ottobre, e per questo Bankitalia consiglia all'esecutivo di concentrare l'attenzione su misure che "possano favorire una rapida ripresa degli investimenti sia privati sia pubblici". Nell'intervento Bankitalia ha anche evidenziato come sia "indispensabile proseguire con sempre maggiore determinazione nella spending review" e come la riduzione del debito pubblico "resti un obiettivo strategico" per il quale è necessario definire "strategie chiare, ambiziose" per realizzare le privatizzazioni. "L'obiettivo è ambizioso", ha detto Signorini.

"I progressi saranno tanto piu' intensi, solidi e duraturi, quanto piu' gli sforzi di contenimento delle erogazioni realizzati negli ultimi anni saranno sistematici e inquadrati in un progetto capillare di revisione della spesa", ha aggiunto Signorini.

Secondo Signorini gli effetti recessivi delle necessarie coperture finanziarie potranno essere contenuti se si riusciranno a individuare sprechi da eliminare e a contenere i costi di funzionamento della amministrazione pubblica.

"Un'appropriata strategia di privatizzazione non contribuisce solo a ridurre il debito: dovrebbe anche perseguire l'obiettivo di accrescere l'efficienza, in un quadro di adeguate regole e controlli", conclude.