Napoli, Castelli: "Parole di Sarri? Il campo dell'Atalanta sta bene"

Napoli, Castelli:

SULLA JUVENTUS - "Loro sono di un'altra categoria e fanno un campionato da altra categoria". Le partite contro squadre fisiche, con dei terreni di gioco difficili, sono il nostro limite. Un difetto emerso già con Benitez, che qui perse addirittura 3-0, e di Mazzarri, sconfitto anche lui in un'occasione per 1-0. Nel 3-5-2 dell'Atalanta, Gasperini dà fiducia ai due classe '94 Caldara e Gagliardini. "Il Napoli ha diverse qualita' importanti, ha un'organizzazione di squadra incredibile e soprattutto riesce a sviluppare la propria manovra a centrocampo; domenica ha faticato molto, non ha trovato i suoi soliti triangoli, i suoi soliti fraseggi, e quindi e' andato in difficolta'". I bianconeri, infatti, hanno vinto agevolmente a Empoli e il Napoli con il ko a Bergamo è scivolato a meno quattro in classifica.

Nel secondo tempo la squadra di Gasperini inizia a dare i primi segni di cedimento, però i calciatori del Napoli sembrano non cogliere questa opportunità. Una questione di approccio alla partita, d'impostazione tattica ma ovviamente anche di mentalità. Un regalo alla Juve, che parte subito in fuga a +4. Ma è il Napoli a rischiare di più: a cavallo fra il 32esimo e il 35esimo, sono ben tre le volte in cui l'Atalanta sfiora il gol del raddoppio: prima è Reina ad opporsi alla conclusione di Gomez, poi è la traversa a salvare il portiere spagnolo sulla conclusione a giro di Dramè, sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Poco movimento senza palla, possesso sterile, poche illuminazioni mai un dribbling decisivo nell'uno contro uno: la spinta continua del Napoli si è infranta sul muro dell'Atalanta.