Muraro: "Raccolta rifiuti ancora a Mafia capitale, serve nuova discarica"

Muraro:

"Il problema della raccolta, ci tengo a dirlo, è dovuto agli appalti affidati sempre alle solite cooperative".

Rivolta alla platea ha poi chiesto "un aiuto perché da soli non si fa nulla", parlando di realtà da cui "attingere buone pratiche" e promettendo "molta attenzione alla ricerca".

Tornando al ciclo dei rifiuti Muraro si è detta d'accordo con il governo Renzi sulla necessità di aprire una nuova discarica nella capitale: "Il problema è dove collocarla e per capirlo dobbiamo capire prima la volumetria". "Non c'è il rischio di una nuova emergenza", conclude l'assessore.

"L'importante per me sono gli obiettivi, che si chiuda il ciclo integrato dei rifiuti riducendo al minimo il ricorso alla discarica e incrementando la raccolta differenziata", è la strada indicata dal ministro. Quindi "ci sarà stato un rallentamento (del lavoro), però andiamo a verificare..."

All'Ama, spiega la Muraro, "sono in difficoltà perché hanno avuto le assemblee, giustamente perché è un diritto dei lavoratori, c'è un contratto che devono approfondire". Abbiamo delle difficoltà sulla raccolta differenziata dovuto ai vari appalti che si sono susseguiti in questi mesi e dobbiamo mettere mano anche su questi. Dal punto di vista tecnico non è corretto.

"Abbiamo un problema di raccolta e smaltimento rifiuti - ha proseguito Muraro -".

"Concordo con l'assessore Muraro che fu da miopi chiudere la discarica di Malagrotta senza aver costruito una valida alternativa per la chiusura del ciclo, perché quella scelta ha portato all'emergenza rifiuti che Roma sta vivendo ormai da tempo". "Faremo una giornata di vetrina delle innovazioni tecnologiche - ha aggiunto - perché dobbiamo dare evidenza a ciò che esiste già". Quello che io auspico è di cambiare la cultura dei cittadini romani e di chi viene a Roma. Roma sconta vent'anni di ritardo dovuto alla politica, se i romani vanno all'estero - ha concluso - vedono un mondo diverso.

"Altro che miope, la chiusura di Malagrotta è stato passo fondamentale, ora si lavori all'ampliamento del porta a porta a tutta la città e alla programmazione degli impianti necessari a gestire ciascuna frazione". Quando si arriverà a definire un progetto sarà già definito con i cittadini, evitando così problemi nell'iter organizzativo.

L'evento ha offerto l'occasione di un incontro con il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti (foto Adnkronos). "Con il ministro Galletti - incontrato proprio al forum Compraverde 2016 - ci sarà una buona collaborazione - aggiunge l'assessore - oggi non abbiamo parlato di un nuovo termovalorizzatore, nei prossimi giorni ci sarà un incontro e parleremo anche di questo".