MotoGp, Valentino Rossi si congratula con Marquez: "ecco perchè ha vinto"

MotoGp, Valentino Rossi si congratula con Marquez:

Si rialza e torna ai box per cambiare la moto per poi ritirarsi.

La lotta tra Valentino Rossi e Marc Marquez è stata senza esclusioni di colpi, tra staccate e sorpassi al limite, i due piloti se le sono suonate di santa ragione. Un titolo strameritato e ottenuto in Giappone grazie alle cadute di entrambi gli avversari diretti, ovvero Valentino Rossi e Yorge Lorenzo, entrambi costretti al ritiro.

I numeri di Marc Marquez, a soli 23 anni, fanno davvero paura, come riporta La Gazzetta dello Sport: il "Marcziano" è il più giovane, sia ad aver vinto 5 titoli, sia ad averne 3 nella top class. Inoltre in 147 gare complessive ha 55 successi, 89 podi e 64 pole, con una pazzesca percentuale di realizzazione in MotoGP del 42% di vittorie e 72,4% di podi sulle gare disputate. Potevo fare una bella gara. Male Valentino rossi che cade, si rimette in pista ma poi si ritira dando addio alle speranze per il titolo. Ho avuto un buon feeling con il davanti per tutti i tre giorni, ma se sono caduto un errore ci sarà stato.

Una gara cui non ha potuto prendere parte Dani Pedrosa (Repsol Honda) vittima di un disarcionamento il venerdì che gli ha procurato la frattura multipla della clavicola destra. Hector Barbera (Avintia Racing) con i colori del Ducati Team ha sostituto Andrea Iannone, ancora fuori per problemi alla vertebra infortunata a Misano. L'elvetico precede Johann Zarco. Nel 2012 vince a mani basse il titolo di Moto2 quindi il salto di categoria nella classe regina e subito la doppietta, due Mondiali di fila, il secondo da assoluto dominatore con 10 vittorie nelle prime 10 gare. Terzo un competitivo Franco Morbidelli, Estrella Galicia 0,0.

In moto3 primo successo 2016 per Enea Bastianini che riesce ad avere la meglio nel duello con Brad Binder. Hiroki Ono, pilota di casa del team Honda è terzo ma gli viene inflitta la seconda panalità del fine settimana ed e' squalificato perche' sotto il peso minimo.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico.