Milan, Abate: "Contro la Juventus partiremo da sfavoriti"

Milan, Abate:

Il terzino destro del Milan, Ignazio Abate, si toglie qualche sassolino dalle scarpe: "Non eravamo da buttare prima, non siamo da Scudetto ora". A inizio stagione in pochi avrebbero puntato sui rossoneri e invece eccoli lì, secondi in classifica, a cinque lunghezze dalla Juventus che sabato sera scenderà al Meazza. "Vogliamo migliorare, non ci vogliamo fermare, abbiamo tanti giovani che ci portano quel pizzico di follia che fa sempre bene". Il mister ha ragione quando dice che abbiamo bisogno di spensieratezza e di pensare positivo. Si vede che respiriamo una bella atmosfera: siamo partiti a fari spenti, nessuno credeva in noi, ma con umiltà e con il lavoro stiamo mettendo mattoncino su mattoncino e non vogliamo fermarci e migliorare.

E' un lavoro molto dispendioso soprattutto a livello mentale, per quello che ci chiede il nostro allenatore, ma i risultati si stanno vedendo: "ci sono tanti margini di miglioramento, stiamo facendo bene dal punto di vista del gioco ma possiamo migliorare tanto secondo me". Ciò che conta è che dobbiamo sempre pensare positivo. Ci sono tutti i presupposti per fare bene. Serve equilibrio. Intorno a Natale vedremo la classifica e vedremo se avremo avuto miglioramenti costanti. A San Siro, di fronte ai nostri tifosi, sarà bellissimo - ha dichiarato Abate -. Contro la Juve non vinciamo da 8 partite, è tanto, brucia ancora la finale di Coppa Italia in cui meritavamo qualcosa di più, affronteremo ora i più forti e vedremo fino a dove arriverà la nostra crescita. "Non ci potranno essere cali di tensione perché incontreremo una delle squadre più forti in Europa".