Mese della prevenzione in rosa, visite gratuite per le donne in Arengario

Mese della prevenzione in rosa, visite gratuite per le donne in Arengario

Questa campagna, giunta alla ventiquattresima edizione, è organizzata dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori con l'obiettivo di sensibilizzare le donne di tutta l'età sull'importanza dei controlli per diagnosticare precocemente il cancro alla mammella e sarà proposta anche ad Arezzo attraverso una serie di iniziative di informazione e di controllo.

Nellambito di “Ottobre mese della prevenzione oncologica”, l8 ottobre prossimo alle ore 18.00 (registrazione dei partecipanti a partire dalle ore 17.00) allinterno dellArea Archeologica di Paestum si terrà lincontro-dibattito sulla prevenzione e cura del tumore al seno con il professor Paolo Veronesi (direttore di Senologia Chirurgica IEO Milano e professore associato di Chirurgia Generale presso lUniversità degli Studi di Milano). L'illuminazione in rosa, simbolo della delicatezza delle donne, vuole testimoniare la piena adesione alla lotta contro il tumore. Tanti testimonial negli anni, ma la battaglia è sempre la stessa.

Le donne tra i 45 e i 74 anni che non hanno fatto la mammografia negli ultimi due anni, possono effettuarla gratuitamente, nel Centro senologico dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria il 22 e il 29 ottobre, chiamando entro il 20 di ottobre il numero 0521/704308 dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 14. Le patologie da prevenire sono, oltre al tumore della mammella, anche il tumore della cervice uterina e del colon retto. La Sezione promuoverà la Campagna attraverso visite senologiche gratuite.

A Roma, invece, sabato 15 ottobre Piazza Vittorio Emanuele II diventerà per un giorno "Piazza della salute" e in collaborazione con l'Enpam (Ente nazionale di previdenza e assistenza dei medici) i volontari della Lilt allestiranno uno stand all'interno del giardino per offrire visite senologiche gratuite.

Nel 2014 la Lilt ha garantito 400 visite gratuite; nel 2015 600 visite, con la scoperta in 40 casi della presenza di neoplasie di cui 2 casi maligni e prontamente affrontati.

"I numeri oggi ci parlano di 48mila nuovi casi all'anno di tumori al seno", commenta il presidente della Lilt-Sezione di Pescara Marco Lombardo, Coordinatore regionale della Lilt Abruzzo, "aumenta l'incidenza, ma si riduce la mortalità, ossia oggi riusciamo a guarire oltre il 60 per cento dei casi, grazie anche alla prevenzione, ovvero individuare la malattia quando il tumore è piccolissimo contribuisce a guarire dalla neoplasia. In più ricordiamo che, se durante la visita dovesse emergere una qualunque problematica, la donna verrà subito indirizzata e segnalata in ospedale per poter eseguire in urgenza ulteriori approfondimenti".