Maccarese, un amichetto potrebbe aver spinto il piccolo Alessandro nel canale

Maccarese, un amichetto potrebbe aver spinto il piccolo Alessandro nel canale

Si sono fatte ogni tipo di ipotesi sulla morte per annegamento di Alessandro, il ragazzino undicenne trovato senza vita in un canale di Maccarese, nei pressi di Fregene.

Alessandro potrebbe essere stato spinto in acqua involontariamente da uno dei bambini con i quali stava giocando. Sono stati poi ascoltati i vicini di casa e gli amichetti con cui Alessandro giocava nel giardino dell'abitazione dei nonni, interrogatori secretati e svolti con l'ausilio di psicologi e specialisti.

"Il quadro investigativo è plausibile" dicono dalla scientifica, ma per ora massimo riserbo sulle testimonianze dei compagni di Alessandro. Un gioco finito male, uno scherzo forse, un movimento imprudente, e Alessandro potrebbe essere precipitato così nel vuoto, annegando. "Volevo rivolgere un appello - scrive - a tutte le famiglie di Maccarese: se qualcuno ha visto qualcosa il 3 Ottobre nel primo pomeriggio che riguarda la scomparsa di mio figlio, Vi prego di rivolgerVi alle autorità". Anche la Procura di Civitavecchia sembra convergere in questo senso anche se il pm Alessandra D'Amore, titolare del fascicolo di inchiesta, aspetta di ricevere i riscontri degli ulteriori esami dell'autopsia.

La relazione finale con le cause della morte si dovrbbe avere entro venerdì e gli accertamenti richiesti dal medico legale, Luigi Cipolloni, nei prossimi giorni.