La FDA approva Medtronic MiniMed 670G per gestire il diabete insulino-dipendente

La FDA approva Medtronic MiniMed 670G per gestire il diabete insulino-dipendente

Diabete: approvato negli Usa il primo "pancreas artificiale".

"E' difficile - spiega Fortunato Lombardo, coordinatore del gruppo di studio sul diabete della Società Italiana di endocrinologia e diabetologia pediatrica (Siedp) - comunicare a un genitore che il proprio figlio ha il diabete, perché sono spesso terrorizzati dalle crisi ipoglicemiche, che possono verificarsi fino a due volte a settimana, con episodi protratti e gravi che possono portare anche a convulsioni e coma. La rivoluzione tecnologica nel diabete", organizzato da Medtronic a Roma. Il dispositivo che è il primo nel suo genere monitora automaticamente il glucosio nel sangue e fornisce ai pazienti affetti da diabete di tipo 1 la giusta dose di insulina.

La prossima tappa intermedia è la conclusione dell'iter di approvazione del sistema ibrido ad ansa chiusa di Medtronic, di cui sono stati pubblicati in questi giorni i risultati di uno studio clinico sul Journal of the American Medical Association (JAMA). Inoltre questo dispositivo è in grado anche di capire quando i livelli di zucchero nel sangue stanno precipitando e di interrompere di conseguenza il rilascio di insulina.

I prossimi passi prevedono l'introduzione di una sempre maggiore automatizzazione.

Ma cos'è il MiniMed 670g? Il "pancreas artificiale" sarà composto da tre elementi: un microinfusore di insulina, un sistema di monitoraggio continuo della glicemia (CGM) e algoritmi avanzati, ovvero formule matematiche all'interno del microinfusore di insulina che calcolino quanta ne va somministrata in base alla lettura del CGM, in modo completamente automatico. Resta comunque un importante aiuto per chi è affetto da diabete di tipo 1. Il sistema MiniMed 640G può aiutare a prevenire oltre l'80% degli eventi ipoglicemici, senza un significativo incremento dell'iperglicemia a tutto vantaggio della qualità di vita in un'ottica di sostenibilità del Sistema Sanitario, se si tiene conto che ciascuna ospedalizzazione legata a un'ipoglicemia ha un costo di circa 2.900 euro per il Sistema Sanitario Nazionale. Per ora è considerato affidabile solo per chi ha più di 14 anni di età e che ha bisogno di più di 8 unità di insulina al giorno.