Italia, morto Dario Fo, aveva 90 anni

Un uomo di teatro a tutto tondo, che ha portato la Commedia dell'arte italiana sui palcoscenici di tutto il mondo. Il premio Nobel, infatti, già negli anni Ottanta faceva spesso apparizioni nei teatri cittadini, a partire dall'Archivolto, con il quale aveva fatto importanti attività dedicata alla scuola. Durante la Seconda guerra mondiale, decide di arruolarsi volontario nell'esercito fascista, ma "non da fascista, da italiano". Nel 1950 Fo comincia a lavorare in Rai come attore e testi satirici, e nel 1952 firma i monologhi radiofonici 'Poer nano'. Nel 1954 sposò Franca Rame, con cui ebbe un figlio nel 1955.

Una passione che si è alternata a molte altre come la scrittura. E sempre per la radio nel 1956 Fo scrive e interpreta, insieme a Franco Parenti, il varietà 'Non si vive di solo pane'. "Dario Fo", si legge nel comunicato ufficiale della Fondazione Nobel, "con un misto di riso e di serietà ci apre gli occhi sugli abusi e le ingiustizie della società, aiutandoci a collocarli in una prospettiva storica più ampia". In quel periodo le piazze, le fabbriche e le case del popolo sono il palcoscenico prediletto di Dario e Franca, luoghi alternativi al 'teatro borghese'.

Tra la fine degli anni '60 e l'inizio dei '70 Fo si schiera con le organizzazioni extraparlamentari di estrema sinistra e fonda il collettivo 'La Comune'. Il ritorno alla farsa è segnato Morte accidentale di un anarchico (1971), sulla morte di Giuseppe Pinelli. Fino a Un clown vi seppellirà, del 2013, sul Movimento 5 Stelle.

La sua ultima apparizione pubblica più importante è avvenuta in occasione del novantesimo compleanno nello scorso marzo con una festa pubblica che ha coinvolto tutta la sua città, Milano, con un parterre di attori, personalità pubbliche e amici che si sono riuniti al Piccolo Teatro Studio oltre che con l'inaugurazione nella sede dell'Archivio di Stato di Verona del rinnovato Laboratorio-Museo-Archivio con tutto l'archivio digitalizzato che negli anni era stato raccolto da Fo e dalla moglie con un totale di un milione di documenti di vario tipo.