IPhone 6 Plus: esplosione durante la ricarica, anche Apple nei guai?

IPhone 6 Plus: esplosione durante la ricarica, anche Apple nei guai?

E' possibile acquistare tutte le versioni di cui sopra sia con la formula abbonamento sia con quella ricaricabile.

Con la definizione delle tariffe di Wind in abbonamento e per ricaricabili si chiude il cerchio delle proposte di acquisto dell'iPhone 7 e dell'iPhone 7 Plus con operatori telefonici.

Sebbene al momento il prodotto non sia disponibile, la Tim attualmente propone l'Apple iPhone 7 32 GB a 809,99 euro in un'unica soluzione, oppure con un leggero sconto a 789,90 euro che sono pagabili, se si è titolari di una linea di casa Tim, in 36 rate da 21,94 euro al mese senza l'applicazione di interessi.

Secondo i test effettuati da GSM Arena, oltre al rischio di rimanere senza spazio a disposizione, ci sarebbe un altro motivo che dovrebbe spingervi a non acquistare un iPhone 7/7 Plus da 32GB: in base ad alcuni test, il modello base sembra essere più lento rispetto alle versioni da 128GB e da 256GB. In particolare, l'iPhone 7 32GB potrà essere acquistato con ricaricabile con un anticipo di 199,90 euro e 30 rate da 19 euro. Il punto di partenza è rappresentato dai prezzi di listino, pari a 799 euro per il modello da 32 GB dell'iPhone 7, 909 euro per quello da 128 GB, 1.019 euro per quello da 256 GB. L'iPhone 7 Plus 128GB, infine, con anticipo di 299,90 euro e 30 rate da 25 euro.

Nello specifico, per iPhone 32GB è previsto un anticipo di 199,90 euro e 30 rate da 18 euro. Chi optasse per l'iPhone 7 Plus 128GB dovrà pagare un ticket d'ingresso di 299,90 euro e poi 30 rate da 23 euro.

Se per Samsung non è certo un bel periodo, con i suoi costosi Note 7 che sono esplosi letteralmente nelle mani dei neo possessori, molto meglio non sta andando ad Apple, coi suoi nuovissimi melafonini che stanno creando dei problemi di sblocco ai neo proprietari. Wind Magnum non richiede il pagamento della tassa di concessione governativa.